Le notti novesi si tingono di folk

0
83

Si terrà dal 25 al 28 giugno, tutte le sere, presso il Parco della Resistenza a Novi, l’AiaFolkFestival. Ospiti di fama internazionale calcheranno il palco della kermesse giunta alla nona edizione. Musica, spettacolo, danza e spazi gastronomici caratterizzeranno per quattro giorni, le notti novesi. Un crowdfunding ad hoc per raccogliere fondi che contribuiranno al finanziamento di un’edizione davvero eccezionale.  Tutto il mondo è un paese, questo il sottotitolo del festival che vuole aprire le braccia al mondo e lasciare campo libero alla musica. “E’ un impegno – sottolinea la direttrice del Coro delle Mondine, Giulia Contri  – che coinvolge amici, enti, associazioni, ma soprattutto artisti la cui musica spazia in vari generi, pur con una corsia preferenziale per il Folk. Crediamo che un progetto che si rispetti debba avere un alto contenuto qualitativo e questa nona edizione è davvero speciale: si svolge in più giorni, coinvolge artisti di fama internazionale e gli spettacoli vengono collocati in uno scenario naturale all’interno del Parco della Resistenza. Un luogo che i novesi hanno nel cuore, essendo stato il punto di incontro della nostra comunità nei terribili giorni del terremoto. A calcare il palco dell’AiaFolkFestival saranno Ginevra di Marco e il suo travolgente folk con lo spettacolo Donna Ginevra e le Stazioni Lunari, i 44 Blues & the Blue Bassa Band con ritmi blues, gli Ero e i Na Isna ci immergeranno nei ritmi del rock, i Blaksoulz Dance Crew ci travolgeranno con le loro danze contemporanee e, ancora, Paolo Fresu e la Scraps Orchestra ci incanteranno col loro jazz d’autore. Mantenere livelli qualitativi alti però comporta dei costi che mettono chiaramente in difficoltà le finanze della nostra associazione – il festival è attualmente autofinanziato all’80% dal Coro – ed è per questo che si è deciso di lanciare una campagna di crowdfunding sulla piattaforma produzionidalbasso.org, per mantenere e consolidare questo il continuando a offrire eventi, a ingresso gratuito, che possano favorire l’incontro e lo scambio tra vecchie e nuove generazioni. Inoltre, all’interno dell’area festa, saranno presenti banchetti di associazioni umanitarie ed equo solidali e da quest’anno sarà possibile fare donazioni libere a favore dei progetti di Emergency”.  “Quest’anno sul palco dell’AiaFolkFestival si esibiranno artisti di fama internazionale – afferma il sindaco Luisa Turci – sulla scia di un’estate che si prospetta ricca di eventi, anche questa kermesse può davvero vantare un programma di tutto rispetto. Come Amministrazione, grazie anche a sponsorizzazioni private, abbiamo investito in cultura consapevoli che da qui, parallelamente alla ricostruzione delle case, delle fabbriche e degli spazi pubblici, possa ripartire anche il riscatto di una comunità che vuole farcela, che ha deciso di restare e ha la convinzione di tornare a essere attrattiva per chiunque voglia sceglierla: per il livello dei servizi che offre, per le nuove strutture pubbliche che via via si stanno rendendo disponibili e, più in generale, per la qualità della vita che anche attraverso l’offerta culturale si può ritrovare a Novi. Con l’apertura del Pac (il Polo Artistico Culturale) sono tanti gli eventi che ci accompagneranno da qui alla fine dell’anno. Tra questi rientra anche il Festival con una serata in particolare dal titolo Terraferma, in viaggio verso la ricostruzione: il concerto del jazzista di fama mondiale Paolo Fresu accompagnato dalla Scraps Orchestra con le incursioni letterarie di Marco Manicardi”. 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here