L’amministrazione ha le mani legate

0
198

Undici le famiglie di Cibeno rimaste a bocca asciutta: in seguito alla decisione del dirigente scolastico Tiziano Mantovani di non accettare i loro figli alle Don Milani, avevano manifestato la propria contrarietà, chiedendo un incontro urgente con l’assessore alle Politiche scolastiche del Comune di Carpi, Stefania Gasparini. La motivazione di tale esclusione? Troppi bambini. “Di quelle undici famiglie oggi soltanto due non hanno ancora iscritto i propri figli alla scuola primaria. Ci tengo a ribadire – spiega l’assessore Gasparini – che l’assegnazione alle scuole spetta al dirigente del comprensivo e non all’Amministrazione. Noi abbiamo fatto quel che potevamo: ricevere i genitori, ascoltandone istanze e rimostranze”. L’assessore ha le mani legate e il dirigente è stato inamovibile: impossibile stipare un istituto e lasciarne altri con posti vacanti. Impensabile anche l’idea di implementare il numero di aule, allargando la struttura delle Don Milani poiché, prosegue Stefania Gasparini, “il picco di nascite che ha creato questa impennata di iscrizioni si esaurirà entro il prossimo anno scolastico, dopodiché saremo alle prese col problema opposto”. Pochi bambini e aule semivuote. Quasi tutti i piccoli esclusi dalle Don Milani hanno trovato posto alle Verdi: “all’appello ne mancano ancora due. Vorrei ricordare che nessuno è a rischio: alle famiglie è stata paventata la possibilità di iscriverli alle Anna Frank ma tale invito è stato per ora declinato. Comprendo lo smarrimento di tali genitori e il disguido che hanno subito ma devono correre ai ripari in fretta, confermando l’iscrizione dei propri figli alle Anna Frank o in un altro istituto statale rispondente alle loro necessità”, conclude l’assessore.
Jessica Bianchi

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here