Santa Croce si attrezza contro i furti

0
93

Stanchi dell’ondata di furti che da tempo sta interessando Santa Croce, i residenti, sull’esempio di San Martino Secchia, hanno deciso di scommettere sul Controllo di Vicinato. In fondo si sa, il miglior sistema di allarme è un vicino attento, prodigo e con occhi e orecchi ben aperti. Dopo un incontro preliminare con la Polizia Municipale delle Terre d’Argine, Fausto Paltrinieri, aiutato dai vicini,  sta raccogliendo firme e adesioni per creare il gruppo di Santa Croce: “16 famiglie hanno già aderito – racconta – ma a breve raggiungeremo sicuramente una quota maggiore. Sono però convinto che il numero crescerà perché a Santa Croce sono in molti a essere terrorizzati e l’idea di diventare più bragheri nei confronti dei propri vicini può dimostrarsi un utile deterrente per contenere spiacevoli episodi di criminalità e, allo stesso tempo, per collaborare al massimo con le Forze dell’Ordine, ogni giorno costrette a misurarsi con risorse e personale sempre più scarsi”. A spingere Fausto a rimboccarsi le maniche è stato il furto subito lo scorso 9 gennaio. Una ferita ancora aperta per la sua famiglia.
“Questi signori sono entrati in casa mia alle 18,45 e ne sono usciti alle 20. Sapevano tutto di noi e delle nostre abitudini. Consapevoli della presenza delle telecamere, hanno tentato di eluderle parcheggiando sul lato opposto, si sono infilati un cappuccio in testa per celarsi il volto, una volta scavalcata la recinzione si sono arrampicati al primo piano, hanno divelto una finestra semi blindata e si sono introdotti in casa. Sapevano della presenza del cane e per questo, una volta dentro, sono corsi al piano terra a bloccare la porta che unisce il garage ai locali interni, impedendogli di entrare in casa e difendere il territorio. Dopodiché ci hanno letteralmente devastato la casa, hanno divelto i vari quadri alla ricerca spasmodica della cassaforte, una volta trovata, l’hanno aperta tagliandola con un flessibile diamantato e hanno portato via tutto ciò che conteneva: soldi, gioielli, monili”. Nulla è stato risparmiato, nemmeno “i pochi risparmi di mia figlia, chiusi in un salvadanaio sul suo comodino”.  Fausto, rientrando in casa poco dopo le venti, si è trovato di fronte il finimondo: “c’erano camicie, vestiti, biancheria intima pestati e sparsi ovunque, lungo le scale, fino al primo piano. I ladri infatti hanno rovistato in cassetti e armadi, mettendo tutto a soqquadro”. Per tagliare la cassaforte i malviventi hanno impiegato circa 20 minuti, tanto che il vicino a causa del fragore infernale si domandava cosa diavolo stessi facendo. Se solo si fosse insospettito e avesse allertato me e i Carabinieri…”. Il bottino è stato ingente, prosegue il signor Paltrinieri, così come i danni provocati che ci hanno obbligati alla sostituzione della finestra, alla sistemazione del parquet bruciacchiato, al ripristino della grondaia esterna danneggiata durante la fuga. Avendoci rubato anche un mazzo di chiavi presente in cassaforte, siamo stati costretti a cambiare tutte le serrature”.
Questo furto con scasso ha profondamente scosso i vicini della famiglia Paltrinieri tanto da indurli a mettersi in gioco: “ognuno di noi alla sera si barrica dentro casa, facendosi soltanto i fatti propri. Attivarsi è quantomai opportuno. Tutti noi viviamo qui da anni: anziché girarci dall’altra parte è giunto il tempo di segnalare individui o auto sospetti che si aggirano per le nostre strade. Riallacciare buoni rapporti di vicinato è essenziale per rendere la nostra vita più tranquilla. Sentirsi protetti e al sicuro è un diritto inalienabile”.
Il comandante della Polizia Municipale Susi Tinti e il suo vice Daniela Tangerini si sono mostrati particolarmente sensibili e attenti: “ci hanno mostrato una dolcezza a dir poco commovente. Ci hanno fatto sentire importanti e noi ora siamo pronti a partire. In questa fase – conclude Fausto Paltrinieri –  ci stiamo attivando per dotarci di tutti gli strumenti tecnologici utili ad assicurare la massima circolarità delle informazioni e molto presto saremo pienamente operativi”.
Jessica Bianchi

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here