Il bello della musica

0
84

“Il bello della musica è che quando ti colpisce non senti dolore” è con questo pensiero di Bob Dylan che la nuova scuola di musica accoglierà tutti gli alunni, i musicisti e i suoi visitatori. Una frase che racconta con poche parole un percorso durato due anni e che inizia il 29 maggio 2012, data in cui il sisma priva della sede la Filarmonica Novese e il Coro delle Mondine, lasciando tutti i cittadini nel più assordante dei silenzi. Ma si sa che la musica è un fluido e inarrestabile divenire e così, passati pochi mesi, parte il progetto “Musica Maestro” con cui, grazie alle donazioni di Cariparma Crèdit Agricole, Radio Bruno con la raccolta fondi Teniamo Botta e altri soggetti, si sono raccolti i fondi necessari per ricostruire una nuova sede.
La fase progettuale ha visto l’approvazione del progetto esecutivo nel mese di maggio 2014. Il mese successivo sono stati affidati i lavori di costruzione alla Coop. Muratori di San Felice sul Panaro che li ha terminati nel maggio 2015.
La Scuola di Musica, costruita con materiali antisismici e dotata di impianto fotovoltaico, è più grande della precedente e vede una distribuzione degli spazi più consona alle esigenze. Distribuita su due piani, al primo prevede la realizzazione di una grande sala prove di circa 150 metri quadrati mentre al piano terra saranno approntate le aule didattiche, i locali tecnici e di servizio e le sedi delle due associazioni. Grazie a tale disposizione si è riusciti ad aumentare gli spazi della struttura di quasi 80 metri quadrati passando dai 250 della vecchia scuola ai 327 di quella nuova. Anche dal punto di vista estetico la nuova sede prevede diverse migliorie: dalla realizzazione di un porticato esterno a quella degli spazi verdi che circonderanno la struttura e che saranno in grado di ospitare eventi ed esibizioni.
La nuova struttura sorge in via Enrico Mattei. La scelta di tale posizione è dettata dalla vicinanza al centro del paese, e anche dal fatto che nell’area di terreno attigua sorgerà una nuova struttura che comprenderà il centro giovani, la biblioteca, una sala prove e le sedi dell’Ufficio Cultura e della Proloco “A. Boccaletti”. L’idea  e l’auspicio che sottendono questo progetto sono quelli di creare un grande polo artistico culturale (denominato PAC) da cui, grazie alla vicinanza ed alla prossimità, anche fisica, di diverse realtà associative ed istituzionali, possano nascere contaminazioni e collaborazioni per coinvolgere il territorio con idee e progetti innovativi.
“Il bello della musica è che non si ferma mai, nemmeno quando tutto sembra perduto” ha detto il sindaco di Novi Luisa Turci “E’ per questo motivo che inaugurare questa struttura è un’emozione fortissima: è il frutto non solo del lavoro tecnico e progettuale ma anche e soprattutto della cooperazione tra enti diversi, cittadini e artisti. Un grazie di cuore quindi a Cariparma, a Radiobruno e a tutti coloro che, con la loro generosità, hanno contribuito al raggiungimento di questo importante obiettivo”
“Il bello della musica è che sa unire le persone, i nostri clienti hanno risposto immediatamente all’iniziativa di solidarietà proposta dal nostro istituto e a loro va il grazie più importante per aver permesso a Novi di non rinunciare alla banda, alla scuola di musica per ragazzi e allo storico Coro delle Mondine” fanno sapere da Cariparma Crédit Agricole. Il Gruppo Bancario nel 2012 aveva infatti lanciato una raccolta fondi che ha permesso di raccogliere per il progetto “Musica Maestro” 80mila euro, successivamente raddoppiati dall’Istituto di credito.
“Il bello della musica è la capacità di unire, aggregare anche persone molto diverse tra loro: la musica parla un linguaggio universale ed è capace di generare empatia  anche tra sconosciuti, avvicinandoli” spiega Clarissa Martinelli di RadioBruno “Proprio la vicinanza tra gli ascoltatori di Radio Bruno ha dato vita all’iniziativa Teniamo Botta nei giorni successivi a quel terribile 29 maggio 2012. Le persone si sono unite, chi era pronto ad aiutare si è messo a disposizione, chi chiedeva aiuto l’ha trovato grazie anche alle risposte immediate che è stato possibile mettere in campo utilizzando da subito i fondi raccolti. Su indicazione del Sindaco di Novi, anche per lo stretto legame tra radio e musica, la scelta è convogliata su questo progetto che oggi finalmente restituisce un’eccellenza alla comunità”. 
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here