Una fiaba per ricordare la Shoah

0
16

Il 27 gennaio, Giorno della Memoria, sarà celebrato a Carpi (presso il Teatro Comunale, alle 21) con la messa in scena di Brundibàr, fiaba musicale in due atti. Un modo per raccontare alle giovani generazioni, attraverso il linguaggio della favola e della metafora, la tragedia della Shoah e, in particolare, l’atroce storia del ghetto di transito di Terezin, dove furono rinchiusi 140mila ebrei (di cui oltre 15mila bambini) e da cui fecero ritorno solo poco più di 3mila internati.
L’iniziativa, basata su un progetto didattico che da mesi sta impegnando diverse scuole cittadine (hanno aderito primarie e secondarie di primo e secondo grado), è promossa dalla Fondazione Fossoli in collaborazione con l’Assessorato alla Didattica degli Istituti Culturali del Comune e l’Istituto Superiore di Alta Formazione Musicale Vecchi-Tonelli di Modena e Carpi.
Il 27 gennaio, al Teatro Comunale, andrà in scena un cast formato da ragazzi che, con grande entusiasmo e determinazione, si sono messi in gioco recitando e cantando in un lavoro collettivo che ha richiesto mesi di preparazione: la musica è a cura dell’Ensemble strumentale del Vecchi-Tonelli (concertazione e direzione Luca Benatti, coordinamento voci soliste e coro Costanza Gallo). La regia dello spettacolo è di Sheila Caporioni e Marina Meinero. La messa in scena di Brundibàr è stata resa possibile anche grazie al sostegno della Diocesi di Carpi e al contributo del Lions club Alberto Pio.  L’ingresso al Comunale  sarà gratuito.
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here