Un sogno nel castello

0
102

Dopo il successo di pubblico di Fagiolino asino d’oro, lunedì 28 luglio – invece che giovedì 24 luglio, come originariamente previsto – alle ore 21.30 andrà in scena, nella cornice di piazza Garibaldi a Carpi, Un sogno nel castello, il secondo dei tre spettacoli gratuiti del cartellone de Un’estate gigante, la rassegna estiva realizzata grazie al determinante contributo di Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi e San Rocco Arte e Cultura, insieme a Comune di Carpi, Il Castello dei Ragazzi e la Biblioteca Il Falco Magico, I musei di Palazzo Pio, il sostegno di Banca Popolare dell’Emilia Romagna, Conad e il patrocinio di Regione Emilia-Romagna, Dipartimento della Gioventù della Presidenza del Consiglio dei Ministri e Giovani Evoluti e Consapevoli. Lo spettacolo è rinviato a lunedì 28  a causa delle avverse condizioni metereologiche previste per la serata di domani. La vita nel paese di Sorrisolo scorreva tranquilla, serena e felice finché non giunse Stressone, lo Stregone Mangiatempo, che rubò a grandi e piccini tutto il tempo dedicato allo svago e al divertimento per trasformarlo in tempo di lavoro, lavoro, lavoro! La gente di Sorrisolo divenne molto triste. Un giorno, giunse nella piazza del paese una Compagnia di Artisti Girovaghi per presentare il proprio spettacolo, ambientato in un Castello: la Sala del Trono con il capriccioso Re Vanesio e Bastian il fedele Pittore di corte; la Torre dove vive la Principessa Orchidea, corteggiata da Birlingo Drago Vichingo; il Cortile in cui Rafael lo scultore, Nico l’ammaestratore, i Danzator Dé Corte, insieme ad altri “Artisti di giro”, si esibiscono nelle loro arti. Più lo spettacolo cresceva, più le persone accorse in piazza riconquistavano il tempo da dedicare al gioco e al divertimento e più Stressane lo Stregone Mangiatempo si indeboliva, al punto che dovette svignarsela a gambe levate. E perché se ne stia definitivamente lontano, da più di cinquecento anni, ogni giorno, a Sorrisolo, c’è uno spettacolo!
Un Sogno nel Castello è uno spettacolo di arte varia che contiene spontaneità e coinvolgimento del teatro fatto ‘tra’ la gente, gioco fiabesco, svago e suggestioni. Il castello è anche metafora di ogni luogo nel quale le persone si possono tutt’oggi ritrovare: dal borgo alla piazza, dal cortile alla strada, dal parco alla festa di paese. L’ultimo appuntamento sarà quello con Attento Pierino, arriva il lupo, che la compagnia Il baule volante di Ferrara metterà in scena, sempre alle 21.30 in piazza Garibaldi, mercoledì 6 agosto. In questa occasione il pubblico potrà rivivere la storia di Pierino e il lupo, la celebre fiaba musicata da Prokofiev.
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here