Mondial, noi c’eravamo…

0
206

C’è la passione di tutti coloro che hanno dedicato alla Mondial un po’ della loro vita nel libro che ricorda i cinquant’anni della società sportiva nata nel 1963 nella Parrocchia di Quartirolo. “L’entusiasmo è sempre lo stesso” commentano i presidenti Felice Marinelli e Roberto Baracchi che continuano a seguire le loro squadre in trasferta per l’Italia condividendone gioie e dolori.
In questo mezzo secolo di vita la Mondial ha promosso una sana cultura sportiva valorizzando i talenti senza mai tralasciare l’attività di base: “la copertina del volume racconta questa volontà di permettere a chiunque di praticare lo sport come momento di crescita personale e di formazione, di divertimento e di svago” precisa Felice Marinelli.
Oggi la Mondial conta 450 tesserati e ha in gestione tre palestre (S. Croce, Leonardo Da Vinci, Gallesi), due campi da beach volley in via Sigonio e un campo da calcetto, “ma senza i volontari tutto ciò non sarebbe stato possibile” ammette Marinelli ricordando alcuni aneddoti, come quando “nel ‘94 durante uno dei primi campionati una doga del soffitto delle Gallesi ancora gestite dal Comune si mise di traverso e i volontari lavorarono cinque giorni per permettere alle squadre di continuare a giocare”.
Ripercorrendo la storia dei primi anni, si scopre che l’attività maggiormente praticata al momento della fondazione era il calcio giovanile, insieme a tennis e atletica leggera e solo nel 1977 si è giocata la prima partita di pallavolo, sport a cui la società sportiva carpigiana ha legato il proprio nome, ancora praticato oggi insieme a calcio e ginnastica per adulti.
Sul fronte dei risultati sportivi, il 2011 è l’anno da incorniciare quando le ragazze della Texcart conquistano la promozione in B2, ma Marinelli ricorda anche il quarto posto dell’Under 14 a Napoli nel 2011 alle finali nazionali di categoria e la laurea di campione nazionale conquistata dall’Under 16 nel 2012 a Lignano Sabbiadoro.
Lo scopo di questo libro, che ripercorre i primi cinquant’anni di Mondial, è far sì che le persone che sono passate per questa realtà possano riconoscersi nelle oltre 700 foto che sono state inserite e “sentirsi parte di una società che è stata fra le prime ad occupare, sportivamente parlando, il territorio carpigiano e non solo”.
Il volume sarà disponibile dal pranzo di domenica 23 marzo, giorno dedicato agli ex atleti, presso il Circolo La Rinascita di Budrione. Altri 50 di questi anni!
Sara Gelli
 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here