“Se ti salvi, ti risposo”

0
52

Aveva promesso che, se si fosse salvata, l’avrebbe sposata di nuovo. Come in un film o in un romanzo. Lui è Iorio Grulli, l’imprenditore che guida, insieme al fratello Gino, la Manifattura Modenese, ditta di passamanerie per abbigliamento di Rovereto. Il 29 maggio dello scorso anno, la grande scossa non ha risparmiato il capannone in cui la famiglia stava lavorando, facendo crollare gran parte del tetto. Mentre Iorio e il fratello restano miracolosamente illesi, Anna, la moglie di Iorio, rimane intrappolata sotto una trave di dodici tonnellate. Estratta dalle macerie, la sua vita è appesa a un filo, entrando in un coma nel quale resterà per mesi. Da quel giorno Iorio non smette di pensare al fatto che, senza di lei, sposata nel 1975, profondamente amata e con la quale ha avuto due figli, la vita perderebbe senso e colore. Ogni sapore che non sia l’amaro. Così, dal 29 maggio, Iorio ha un pensiero fisso, qualcosa a metà tra la preghiera e l’imprecazione. Ogni giorno ripete: “Ti prego svegliati, riprenditi, torna a casa e ricominciamo tutto daccapo, come se la vita ripartisse da zero”. E insieme a quell’invocazione, una promessa. “Se si salva la risposo”. E di Iorio tutto si può dire, tranne che non sia un uomo determinato. Così ad Anna toccherà di sposarlo una seconda volta, a 63 anni lui e 58 lei. Il rinnovo della promessa di matrimonio sarà celebrato domenica 26 maggio, in quel che resta del capannone. Prevista la presenza di centinaia di amici, tra cui Francesco Moser, il campione di ciclismo che con i due fratelli condivide la passione per le due ruote.
Marcello Marchesini

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here