Popolo balordo ai nastri di partenza

0
265

Una biciclettata in mezzo alla natura, in sella a Grazielle, mezzi d’annata e a improbabili veicoli rigorosamente a pedali e geneticamente modificati… Un biscione colorato, divertente e festoso è quello che da qualche anno anima le campagne di San Marino in occasione della Popolarissima della Balorda, nata nel 1995. Da allora ne ha fatta di strada ma l’anima è sempre la stessa, come i suoi irrinunciabili must: dopo ogni giro di corsa, i balordi hanno diritto a un po’ di ristoro e non certo a base di gatorade e barrette energetiche. Alla Balorda le pile si ricaricano con salame e lambrusco! Ma l’essenza della pedalata più goliardica di Carpi sta nella voglia di stare insieme. Grandi e piccini, uniti da un’unica, straordinaria, passione: ridar vita alle proprie biciclette creando mezzi d’avanguardia rigorosamente a tema!
La Balorda infatti è un colorato, variegato e pazzo Carnevale in bicicletta. Ogni anno viene deciso un tema e chi vuol partecipare deve divertirsi a creare il proprio costume e il proprio mezzo di locomozione, nel pieno rispetto dell’argomento deciso dal Comitatissimo della Balorda. Quest’anno il tema è Giochi balordi e, ne siam certi, se ne vedranno delle belle. Incoronare i migliori look, i mezzi più stupefacenti, le squadre più ingegnose e il miglior Balordo sarà, come ogni, anno, un’impresa dir poco epica. La Balorda, lo ricordiamo per i pochi neofiti rimasti, prevede tre giri di un percorso che si snoda tra le campagne di San Marino e Fossoli. Dopo ogni giro i balordi riapprodano al campo base, quello della Polisportiva di San Marino, e si concedono una sosta obbligatoria a base di prelibatezze genuine emiliane e ottimo lambrusco. E l’invito del Comitato è chiaro: “travestitevi e create mezzi speciali per onorare il tema.  Tornate bambini, perchè quest’anno si gioca”. Domenica 26 maggio si annuncia quindi giocosa, felice e con tanta musica, grazie al gruppo di Eusebio Martinelli & Gipsy Abarth Orkestar. “Una festa per tutti, per le famiglie e i bambini, i giovani e gli anziani e tutti coloro che vogliono divertirsi con questo Carnevale enogastronomico, ciclistico e ballereccio”, concludono i volontari che, anno dopo anno, col medesimo entusiasmo, organizzano questo spensierato evento.
L’iscrizione alla gara viene fatta sul posto la domenica, per cui è meglio arrivare presto, verso le 9.30 circa, pranzo sociale a partire dalle 12, partenza del primo giro alle 14. Il costo è di 10 euro e comprende: maglietta, gadget, tre ristori, concerto e gara. Il ricavato sarà devoluto in beneficenza. La biciclettata è riservata ai tesserati Arci (chi non ha la tessera può comunque farla in loco).
Jessica Bianchi

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here