Due incontri sull’esperienza dei bambini dopo il sisma

0
46

Il sisma del maggio scorso ha rappresentato per molti un evento traumatico che ancora risveglia inquietudini e preoccupazioni. Tuttavia il desiderio di ripresa, a tutti i livelli, è segnato dalla necessità di dare parola alle sofferenze vissute, di trovare accoglienza in una comunità legata dalla stessa esperienza. Educatori e insegnanti possono sostenere questi bisogni, spesso inespressi, dei bambini diventando “tutori di resilienza” ossia adulti che supportano e promuovono le risorse che ogni bambino può attivare per reagire positivamente al trauma. E’ fondamentale poi, come genitori, essere in grado di cogliere eventuali segnali, aprendo uno spazio di dialogo coi propri figli. Possono esistere infatti non solo delle “fragilità esteriori”, chiare ed evidenti, ma anche dei “segni” interiori, emotivi, più difficili forse da leggere, da interpretare, e quindi più faticosi da affrontare e da superare con serenità.
L’Unione delle Terre d’Argine e il Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia hanno promosso per venerdì 30 novembre e sabato 1° dicembre due incontri (accorpati sotto il titolo di Cantiere Resilienza) su questi temi. Come aiutare i bambini a ricostruire sicurezze dopo il terremoto è il titolo dell’ iniziativa di venerdì 30, che si terrà all’Auditorium della Biblioteca multimediale Loria di Carpi alle ore 20.30 con M. Teresa Pedrocco Biancardi, Psicologa e Psicoterapeuta del bambino e della famiglia.
Oltre la paura: adulti e bambini costruiscono percorsi educativi dal trauma alla normalità è invece il titolo dell’incontro che si svolgerà sabato primo dicembre, dalle ore 9.30 alle ore 13, sempre all’Auditorium della Biblioteca multimediale Loria. Si tratta in questo caso di un incontro di formazione per educatori e insegnanti. Assieme a M. Teresa Pedrocco Biancardi interverrà Laura Orlandini, Psicologa ed esperta in progetti di educazione familiare della Coop. Sociale Il Germoglio Ferrara. Introduce
Lorenzo Campioni, Gruppo Nazionale Nidi e Infanzia.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here