L’emozione… ha voce!

0
130

Il suo amore per la musica e il canto è esploso quando, a 15 anni, gli è capitanato di ascoltare Franck The Voice Sinatra eseguire il brano Luck be a lady, presente nella colonna sonora del celebre film Mrs. Doubtfire, interpretato Robin Williams. “In quel momento ho capito veramente quale potesse essere la forza espressiva della musica”.

Lui è Stefano Cattini, 30enne di Novi che si esibisce, cantando, da anni, sino ad aver raccolto intorno a sè un pubblico appassionato ed entusiasta, che non perde uno dei suoi concerti-spettacolo. “Sentivo di amare la musica, ma ancora non sapevo di poter cantare”. Intorno ai 20 anni inizia a esercitare la sua voce con un computer che aveva acquistato per eseguire montaggi di video. “Cosa che poi, paradossalmente, non ho più fatto”. Su quel Pc scopre che è possibile acquisire la basi musicali dei brani, sui quali poi cantare con la propria voce. “Per tre anni mi perdevo, quasi tutte le sere, facendo esperimenti da autodidatta”.

Il canto stava iniziando però a essere qualcosa di più che un semplice passatempo. “Mi prendeva troppo. Così ho conosciuto quella che sarebbe diventata la mia insegnante di canto, Barbara Truzzi”. Con lei ha migliorato la propria vocalità, facendone emergere i tratti più significativi, sino ad arrivare al punto di insegnare a sua volta canto, sia ad allievi privati che a un gruppo di studenti carpigiani. “Non cerco di insegnare a cantare bene, ma a compiere una ricerca sulla voce naturale di ogni singola persona e di educare a esprimerla al meglio”. L’estate poi, come si sa, è sempre galeotta. Ed è proprio nelle calde serate agostane che Stefano, sulla spiaggia, canta per gli amici, i quali restano così affascinati da consigliargli senza sosta di fare il gran salto: esibirsi per il pubblico. “Un amico mi chiese di animare una festa e da lì ho cominciato a cantare nei locali e ai matrimoni”. Strada facendo arriva anche uno di quegli incontri fortunati che segnano il percorso di un artista: quello con Andrea Solieri, musicista carpigiano con il quale stringe un’amicizia fraterna e un sodalizio che li vedrà esibirsi insieme in tante occasioni.

“A duettare e scambiarci battute come Cochi e Renato” aggiunge Stefano sornione. Oltre a Solieri, partner abituali di Stefano sono il pianista e fisarmonicista Alessandro Pivetti, il sassofonista e armonicista Federico Albonetti, oltre a Sara e Greta, due cantanti. Stefano ha inciso alcuni inediti, ma la sua passione resta l’esibizione dal vivo. “Spero di non perdere mai la mia libertà e soprattutto il rapporto diretto con le persone che vengono ad ascoltarmi. Non ho un genere prediletto: per quanto ami lo swing, cerco di non fossilizzarmi, anche se commercialmente essere etichettato potrebbe avere i suoi vantaggi. Mi piace sperimentare, variare e, soprattutto, cantare i brani che mi emozionano”. Tra i prossimi eventi da non perdere, il 25 febbraio al Ristorante L’Anatra di Cortile sono tutti invitati a Good luck Mr. Cattini, una serata che, con il pretesto di festeggiare i suoi trent’anni, servirà a Stefano per annunciare ufficialmente la sua ‘missione’ musicale a tempo pieno. Con un ospite d’onore: la senatrice Isa Ferraguti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here