Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Lega Nord: designare i consiglieri della Fondazione Crc prima delle elezioni è una mossa politicamente scorretta
Carpi | 02 Marzo 2019

“Designare i consiglieri di indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi prima delle elezioni è una mossa politica scorretta”, parola di Gugliemo Golinelli, commissario della Lega Nord di Carpi. A metà febbraio, lo ricordiamo, la Fondazione ha inviato le richieste di designazione delle terne ai Comuni di Carpi, Novi di Modena e Soliera, i quali hanno poi sessanta giorni di tempo dalla ricezione per far pervenire all'ente i vari nomi. Carpi deve designare tre terne (i consiglieri in scadenza che erano stati elette nelle precedenti terne sono il ragioniere Enrico Contini, l’architetto Gian Paolo Ferrari e la professoressa Cinzia Principi), Soliera una (il consigliere in scadenza è Maurizio Vescovin) e Novi una (il consigliere in scadenza è la commercialista Anna Navi). “Procedere con tale designazione prima delle elezioni amministrative (a esclusione di Novi) è un atto inopportuno e politicamente scorretto. Soprattutto a Carpi – ha sottolineato Golinelli – dove l'amministrazione non è più rappresentativa rispetto al voto di cinque anni fa. Considerata l'importanza rivestita dalle fondazioni bancarie sarebbe davvero esecrabile procedere ora con le nomine”. Sulle tempistiche previste dallo statuto, Golinelli è laconico: “a Mirandola, dove si sta verificando la medesima situazione, mi sono confrontato con la Fondazione e ho saputo che è possibile prorogare il mandato degli attuali consiglieri fino a dopo le amministrative”. Golinelli ha poi annunciato che sabato 9 marzo la Lega Nord presenterà il suo candidato sindaco (numerosi i rumors che vedono nella novese Federica Boccaletti il nome più papabile) e almeno due liste di supporto. “Sul presunto dossieraggio ai danni dell'attuale sindaco Alberto Bellelli – aggiunge Golinelli – vorrei sottolineare come, ad oggi, nessun membro della Lega risulti indagato e mi sento di escludere categoricamente che qualcuno della Lega di Carpi sia in alcun modo coinvolto. Io, pur essendo il commissario del partito in città, non conosco Morelli, non ho mai intrattenuto alcun tipo di rapporto con lui e di dossier e indagini non ne so nulla”. Sull'esito di voto delle Amministrative Golinelli è certo: “prenderemo più voti del Partito democratico. Dai sondaggi si parla di 25% per il Pd versus il 36% della Lega”. E in caso di ballottaggio, su eventuali apparentamenti, Golinelli si mostra possibilista: “con Carpi Futura abbiamo ottimi rapporti. Vedremo il da farsi sulla base della squadra che si vorrà costruire e sui programmi”. Sull'entrata di Antonio Russo in Lega, invece, Golinelli non si sbottona: “la posizione di Russo non è sul tavolo”.

Jessica Bianchi


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie