Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Ciclofficina: lavori in corso al Mac’è
Carpi | 11 Luglio 2019

In punta di pedale, Ciclofficina sta finalmente prendendo forma. Il progetto, fortemente voluto dall’associazione Velodogma ha infatti trovato una casa: lo Spazio Giovani Mac’è.
“L’idea - spiegano Lorenzo Ascari e Mattia Rosselli di Velodogma - è nata anni fa e, grazie all’interessamento del Comune di Carpi, siamo finalmente riusciti a trovare una location dove farla decollare”. L’obiettivo primario di questo Ciclo-Spazio, sottolinea Giorgia Pagano della Cooperativa le Macchine celibi che gestisce il Mac’è, “è quello di coinvolgere tutti gli attori del territorio, dando voce in particolare all’associazionismo giovanile, e condividere un luogo aperto all’insegna della mobilità alternativa. Uno spazio in cui i ragazzi dagli 11 ai 29 anni possano mettersi a disposizione gli uni degli altri, facendo circolare idee e competenze in materia di due ruote ovviamente”.
Ciclofficina, infatti, a partire dal mese di settembre, diverrà uno spazio in cui condividere gratuitamente gli attrezzi e il sapere meccanico per imparare a prendersi cura della propria bicicletta e ricevere consigli utili sulla ciclabilità. “Grazie alle aperture serali puntiamo a diventare un punto di riferimento anche per un pubblico più adulto - prosegue Giorgia -  con l’obiettivo ambizioso di affermarci nel tempo come un vero e proprio hotspot per quei cicloturisti che passano per la nostra città affinché possano rigenerare il proprio mezzo e ripartire il loro viaggio”.
Il Ciclo-Spazio, attualmente in allestimento con tanto di bancali in legno e attrezzeria all’interno di una sala prove, si coniuga perfettamente con lo spirito dello Spazio Giovani di viale De Amicis: “il Mac’è è sempre aperto e ricco di iniziative di carattere educativo, aggregativo e ludico. In futuro - aggiungono  Lorenzo e Mattia - vorremmo organizzare delle serate a tema con esperti e cicloturisti, magari coinvolgendo anche la Fiab - Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta, per far emergere idee nuove, stimolare un dibattito sulla mobilità alternativa in città e far appassionare grandi e piccoli al mondo della due ruote. E poi, ancora, corsi per dispensare qualche consiglio e qualche informazione pratica per imparare ad aggiustarsi in autonomia il proprio mezzo e far fronte a eventuali emergenze”. Insomma un luogo “educativo e creativo che promuova sani stili di vita e la due ruote come mezzo divertente, green e alternativo all’uso dell’auto”, sorride Giorgia. Il Ciclo-Spazio debutterà a settembre: “vogliamo che in occasione della Settimana Europea della Mobilità, che si terrà dal 16 all 22 settembre, sia tutto pronto per dare così il nostro contributo nel sensibilizzare la cittadinanza sui vantaggi che la scelta di un mezzo a emissioni zero può avere per la nostra salute, l’ambiente e pure il conto in banca”, concludono Lorenzo e Mattia.
“Noi puntiamo in alto - aggiunge Giorgia - con l’obiettivo di creare relazioni positive in un’ottica di scambio reciproco e con l’auspicio di far innamorare qualcuno in più della bicicletta”.
Jessica Bianchi  

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie