Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
La storia di Quartirolo nelle pagine di Beltrami
Carpi | 09 Luglio 2019

“Qui sostò la salma di Manfredo Fanti in viaggio da Firenze prima del corteo e delle esequie a Carpi nel 1865. 

Le prime tracce della chiesa di Quartirolo risalgono al 1537. In una lettera, Tommaso Grillenzoni avanzava al Duca di Ferrara la richiesta di poter costruire sulla strada che porta a Modena una chiesa dedicata al culto della Madonna della ‘Piopa’, della cui edificazione non c’è traccia” spiega Andrea Beltrami, autore del volume dedicato alla storia della parrocchia di Quartirolo.

Cancelliere vescovile, direttore dell’Archivio e del Museo Diocesano, Beltrami già vent’anni fa, su richiesta di don Claudio Pontiroli, si era dedicato alla ricostruzione della storia della parrocchia di Quartirolo producendo una pubblicazione da donare ai parrocchiani in occasione del Giubileo del 2000. 

La riapertura della Chiesa dedicata alla Madonna della Neve dopo i lavori post sisma ha fornito l’occasione per approfondire quella storia con ulteriori ricerche archivistiche e documentarie per produrre una seconda edizione dal titolo Quartirolo: appunti per una storia  presentata lo scorso 7 luglio presso la chiesa parrocchiale.

“Già a metà del 1500 con lo sviluppo della zona a sud emerse l’esigenza di avere sul territorio periferico un punto di riferimento per evitare ai sacerdoti un faticoso e anche pericoloso avanti e indietro da Carpi: fino al XVIII secolo fu il curato, dal 1778 il rettore e, infine, con l’istituzione di parrocchia urbana nel 1954 fu nominato parroco, dall’allora vescovo monsignor Artemio Prati, don Ettore Papotti”.

Nella nuova edizione della storia della parrocchia ci sono parecchie novità. “Un intero capitolo è dedicato all’organo del 1885, che accompagnava la liturgia, e alle campane, che hanno scandito la vita della campagna”. 

Nel corso delle ricerche, Beltrami è incappato anche in una piacevole scoperta. “Lo stendardo processionale della Madonna della Neve conservato a Quartirolo e attribuito a Leonello Bonasi, nobile e pittore, presenta un’iconografia identica a quella di un’opera conservata nella Chiesa di Mandrio di Correggio che solo oggi si può attribuire allo stesso Bonasi”.

Nella pubblicazione Beltrami ricostruisce  i momenti fondamentali della storia di Quartirolo dal Congresso Eucaristico del 1931 quando era parroco don Elidio Valentini fino all’inaugurazione dell’Aula Liturgica nel 2009. Quartirolo: appunti per una storia si conclude con l’itinerario da tenere sottomano per una sorta di visita guidata alle opere, “anche di un certo rilievo, tra cui la Deposizione del Gennari”.

Sara Gelli

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie