Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Appunti per una storia
Carpi | 05 Luglio 2019

La prima edizione di Appunti per una storia risale al 1999, in occasione del Giubileo del 2000 e realizzata da Andrea Beltrami su indicazione di Don Claudio Pontiroli.  Questa seconda edizione suddivisa in capitoli e immagini si è arricchita di nuovi contenuti, segno di una comunità parrocchiale viva e attiva.
Anche una apparente “piccola” parrocchia infatti ha tanto da raccontare e lo dimostra il primo capitolo dedicato alla nascita di Quartirolo con le vicissitudini di un borgo fuori dalle mura che necessitava di una cura pastorale assidua e garantita. Particolare importanza è stata data anche all’organo e alle campane, strumenti spesso dati per scontati, dimenticati o considerati secondari.  La loro voce da secoli accompagna le liturgie e richiama alla preghiera e alla fede. Quando la vita dei campi era scandita dal suono delle campane, queste erano sicuro punto di riferimento per la gente, nonché mezzo di informazione su ciò che accadeva (dai segnali delle celebrazioni a quelli del tempo).  Non poteva mancare un accenno alla nuova aula liturgica, desiderata da don Claudio a servizio della comunità parrocchiale in costante crescita e capace di contenere quanti non avrebbero trovato posto nella chiesa madre.  Una grande scelta che si è rivelata propizia anche quando, a causa del terremoto del 2012, le nostre chiese sono state segnate e chiuse al culto, Quartirolo ha ospitato celebrazioni importanti, pontificali, liturgie di commiato a sacerdoti, messe di ordinazione, concerti e altri eventi diocesani consentendo di accogliere tutti nei momenti di particolare comunione ecclesiale.
Un grazie speciale va a don Fabio che ha creduto di riproporre quanto già fatto precedentemente.  La chiesa di Quartirolo, riaperta il 17 marzo, dopo i lavori di restauro dai danni del sisma, è stata costruita nella seconda metà del 1500, nel 1950 insieme a Cibeno è dichiarata parrocchia urbana. Negli Anni Settanta ha ridimensionato i propri confini sia a favore di San Nicolò che di San Bernardino Realino. Nel 1980 l’assetto definitivo con cessione di territorio a ovest, per la nuova parrocchia del Corpus Domini.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie