Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Salviamo i cibi e le ricette della tradizione
Carpi | 02 Dicembre 2018

Undici ricette di Modena e provincia che rischiavano di essere dimenticate sono state recuperate e salvate dai 14 Agrichef neodiplomati al corso promosso da Terranostra Emilia Romagna, l’associazione agrituristica di Coldiretti e Campagna Amica, svoltosi nei giorni scorsi all’agriturismo La Baccelliera di Modena.

Tra i docenti di Agrichef c’era anche Gabriella Gasparini, la nostra Visualchef originaria di Soliera che ha così commentato l’esperienza: “alcune ricette non le conoscevo nemmeno io e sono stata curiosa di scoprirle. Credo che oggi sia molto importante recuperare e valorizzare questi piatti tradizionali non solo nell’ambiente domestico ma anche e sopratutto nella ristorazione. C’è gente di tutto il mondo che apprezza la cucina emiliana e che vuole scoprire le nostre più antiche e gustose ricette. E’ giusto puntare sulle nostre eccellenze e peculiarità sia per quanto riguarda gli alimenti che per quanto concerne i modi in cui vengono trasformati”.

L’obiettivo del corso non è stato solo formare chef abili ai fornelli, bensì figure professionali complete, esperte in marketing e comunicazione, in grado di raccontare a un cliente sempre più attento ed esigente la storia di un prodotto e la cultura del territorio che lo ha fatto nascere.

“E’ una sensibilità – ha sottolineato Coldiretti Modena – che cresce soprattutto tra i giovani. Non a caso, a Modena aumenta il numero di ragazzi che vedono una prospettiva di lavoro futuro nel cibo. Le iscrizioni alle scuole secondarie di secondo grado (le cosiddette superiori) a indirizzo agrario tecnico e professionale e all’Alberghiero, per l’anno scolastico 2018/2019 in provincia di Modena, secondo elaborazioni Coldiretti su dati dell’Ufficio scolastico regionale, ha raggiunto il numero record di 724 iscritti, oltre il 10% degli iscritti totali alle scuole superiori, pari nel modenese a 7.156 iscritti tra scuole statali e paritarie”.

La prova finale di coloro che hanno ottenuto l’abilitazione ad Agrichef è stata la realizzazione di 11 ricette dimenticate della cucina modenese. La base dei piatti sono stati i due ingredienti tradizionali della cucina povera: la farina (di grano, di granturco e di castagne) e l’acqua. Le ricette hanno spaziato dai primi ai secondi, fino ai dolci, recuperando ricette come la Sulada, piatto che a mezzogiorno poteva sostituire la pasta asciutta, ma anche il pane; i Menni, la colazione giusta per dare una sferzata di energia al mattino, a base di farina di castagne, acqua e latte; i Ciacci di castagne realizzati nelle “cotte”, dischi di ferro messi sul fuoco, di origini addirittura preistoriche; i Calzagatti a base di polenta e fagioli, appetitosi con un nome che varia da zona a zona: Paparocc, Malfet, Cassambragli, Pulenta Imbrucada; i Maccheroni al pettine al ragù di pollo, un piatto della domenica dimenticato, con un condimento rustico e allo stesso tempo delicato; la Minestra vedova, di una semplicità francescana, chiamata vedova perché dentro non c’è niente o quasi; lo Scarpasot, piatto della Bassa ai confini con Reggio Emilia, simile all’Erbazzone reggiano, ma senza la pasta, fatto con uova, bietole, spinaci ed erbe campestri (a seconda di ciò che si ha a disposizione); il Bensone, dolce antico, che veniva portato in Chiesa a far benedire (da cui deriva forse il nome) oggi in via di riscoperta e da gustare con il the, ma anche con un buon bicchiere di Lambrusco; la Torta di tagliatelle uno dei dolci tipici di tutta l’Emilia, giunta a Modena probabilmente da Ferrara, con l’arrivo degli Estensi.

Tra le ricette compaiono anche la Frittata di cipolle all’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena: “non è proprio un piatto tipico, ma gli Agrichef – spiega Coldiretti – lo hanno adottato per celebrare uno dei prodotti che più contraddistinguono Modena. Inserita anche la ricetta del Pollo alla cacciatora, che non è certo un piatto in via di sparizione, anche se è uno dei più tradizionali della cucina modenese: è stato scelto perché un tempo era il companatico più tipico da mangiare insieme a un altro caratteristico cibo modenese come le crescentine (o tigelle) insieme al pesto di lardo e rosmarino.

Al termine del corso, Diego Scaramuzza, presidente nazionale dell’associazione agrituristica Terranostra, e il presidente di Coldiretti Modena, Luca Borsari, hanno consegnato gli attestati di Agrichef ai 14 partecipanti al corso.

Chiara Sorrentino

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie