Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
A spasso tra i canali
Carpi | 14 Maggio 2018

Prosegue il progetto europeo Life Rinasce, dedicato alla riqualificazione naturalistica per la sistemazione integrata idraulico-ambientale dei canali emiliani. Realizzato dal Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale riguarda anche diversi canali che attraversano il nostro territorio. Sabato 19 maggio si terrà una visita guidata gratuita sui luoghi interessati a questa riqualificazione per mostrare ai cittadini lo stato di avanzamento del progetto (la Cavata Orientale, il Diversivo Fossa Nuova Cavata e anche il Canale collettore delle acque basse modenesi, che prosegue poi in territorio novese). Scopo del progetto, diminuire il rischio idraulico e migliorare l’habitat naturale, con l’investimento di circa due milioni di euro (941mila euro dalla Ue, 975mila dal Consorzio di Bonifica e il resto dalla Regione Emilia-Romagna).
I lavori sul Diversivo Fossa Nuova Cavata e il collettore delle acque basse modenesi sono già stati realizzati.
Sulla Cavata Orientale è prevista tra l’altro la creazione di habitat acquatici mediante la prossima realizzazione di una golena allagabile per una lunghezza di circa 500 metri e una larghezza di 5 metri, di una fascia riparia di 500 metri (con 900 alberi) e di un’area umida/cassa di espansione di 3 ettari per la laminazione in linea delle piene e la depurazione delle acque invasate (a completamento degli interventi di Aimag in via Lama e a servizio del comparto industriale di via Emilia-Romagna).
Rispetto al Diversivo Fossa Cavata gli interventi previsti sul canale nei mesi scorsi su un tratto di 900 metri sono stati i seguenti: ampliamento di sezione mediante la creazione di una banchina interna e la riprofilatura della sponda (golena ricreata di circa 0,8 ettari); incremento della dotazione arboreo-arbustiva del canale (3 filari di 900 metri); estensione delle formazioni vegetali a canneto al piede di sponda (circa 3.200 mq); posa di una tubazione irrigua nell’alveo del condotto Gusmea; definizione di un piano di manutenzione del canale per conservare la naturalità compatibilmente con le esigenze idrauliche.
La visita dei lavori previsti sui canali carpigiani è prevista nel pomeriggio. Alle 15 il ritrovo è fissato in strada Cibeno (laterale di via Chiesa di Cibeno) per ciò che riguarda il Diversivo Fossa Nuova Cavata, mentre alle 16.30 ci si sposterà in via Gargallo Ovest (zona via Cavata) dove si trova l’impianto di Magnavacca sulla Cavata Orientale. Per chi volesse invece saperne di più sui lavori in corso al Canale collettore delle acque basse modenesi dovrà recarsi alle 11.30 in via Valle Bassa in comune di Novi di Modena.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie