Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Educazione e riabilitazione in Bocciofila
Carpi | 23 Luglio 2019

E’ il quarto anno cha la Bocciofila Dorando Pietri collabora con il Servizio di Neuropsichiatria dell’Infanzia e Adolescenza di Carpi del Dipartimento Salute Mentale dell’Azienda Usl di Modena. 

L’obiettivo? Attivare percorsi educativi e riabilitativi di gruppo volti a promuovere lo sviluppo della crescita personale, dell’inserimento e dell’integrazione sociale con il potenziamento di abilità e autonomie. A giugno e luglio, la Bocciofila ha ospitato 35 ragazzi, dagli 8 ai 16 anni, in carico alla Neuropsichiatria di Carpi all’interno della propria struttura, facendo sperimentare loro il gioco delle bocce e del biliardo. Ogni giornata è stata arricchita da uno spettacolo d’intrattenimento di un “famoso mago” che ha impressionato i ragazzi con la sua arte magica. Inoltre la bocciofila ha offerto il pranzo con panini, dolciumi e bevande. Alla fine, i giovani sono stati premiati con una medaglia consegnata dal presidente dell’associazione per omaggiarli per i loro risultati sportivi. “Una ventata d’aria fresca è entrata nella normale attività ricreativa dei soci. Siamo orgogliosi  - commenta Franco Tosi, presidente della Bocciofila - d’aver contribuito, seppur in piccola parte, alla crescita di questi giovani. Ci auguriamo che questa collaborazione possa consolidarsi e proseguire”.

“Esprimo una valutazione molto positiva di questa iniziativa poiché ci permette di mantenere viva una tradizione educativa e riabilitativa per cui svolgiamo il nostro lavoro non solo in ambito ambulatoriale ma anche in contesti di vita reali. Contesti che danno una forte motivazione ai ragazzi e agli educatori. E’ uno spettacolo  - ha affermato Corrado Marchi, educatore dell’Ausl - vedere questi giovani persistere con continuità e piacere nei tentativi di avvicinare le bocce al pallino senza farsi troppo scoraggiare dalle difficoltà motorie, visive, coordinative e attentitive con cui convivono. E quanta serietà dà loro l’indossare la maglietta dell’Associazione sul campo di gara! Non possiamo che ringraziare la Bocciofila dell’opportunità che ci ha dato”.


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie