Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Autobrennero rifarà lo svincolo
Carpi | 07 Luglio 2019

Resterà negli annali di Autostrada del Brennero la data di sabato 22 giugno: nell’arco delle 24 ore, infatti, è stato registrato il record di passaggi (43.325) in uscita alla Barriera di Vipiteno e, nonostante la mole eccezionale di veicoli e una conseguente condizione di traffico critico, si sono verificati solo sei incidenti lievi, tutti senza feriti.

“Risultati come questi – per il direttore tecnico generale di Autobrennero Carlo Costa - su un’arteria la cui capacità è strutturalmente limitata dal fatto di possedere due sole corsie, ci parlano di un’organizzazione che punta sull’innovazione e le tecnologie senza lasciare nulla al caso e che ogni giorno, anche nelle condizioni più critiche, si pone l’obiettivo di garantire all’utenza la massima sicurezza”.

Autobrennero continua a investire nella funzionalità dell’infrastruttura e, per migliorare il corridoio da Modena al Brennero, nell’ambito del piano che prevede per i prossimi 30 anni investimenti pari a quattro miliardi e 100 milioni  di euro sono in programma diverse opere tra cui la terza corsia dinamica tra Bolzano nord e Verona (oltre un miliardo), la terza corsia tra Verona e Modena (740 milioni); la costruzione di nuove barriere antirumore lungo tutto il tratto autostradale (230 milioni di euro), il rifacimento delle stazioni autostradali e dei centri di servizio (100 milioni), delle aree di servizio (170 milioni), il risanamento di cavalcavia (250 milioni), la realizzazione di parcheggi e autoparchi (70 milioni) e la manutenzione straordinaria di viadotti e opere d’arte (430 milioni).

Dalla parte opposta rispetto alla Barriera di Vipiteno, nell’ultimo tratto dell’A22 tra Carpi e l’allacciamento con l’Autosole, si sono registrate di frequente lunghe code che si intensificano nel periodo estivo perché, come conferma il direttore Costa, “da vent’anni il traffico veicolare è costantemente aumentato e la concentrazione di auto e mezzi pesanti in determinati periodi dell’anno e precise ore del giorno provoca code allo svincolo”.

Qui i volumi di traffico “sono arrivati a consuntivare l’anno scorso il valore massimo della storia di Autobrennero: si è arrivati a 45mila veicoli in media al giorno con punte che arrivano a 85mila veicoli nelle giornate di massimo traffico”.

Per questo, “Autobrennero ha presentato, nell’ambito del progetto della terza corsia con ampliamento della piattaforma stradale tra Verona e Modena, un primo lotto del progetto definitivo che ha già superato la Conferenza dei Servizi e la Valutazione di Impatto Ambientale quindi stiamo perfezionando il

progetto esecutivo: si tratta del nuovo innesto che risolverebbe definitivamente il problema delle code riconfigurando tutto lo svincolo sia in direzione di accesso all’autostrada del Brennero dall’A1, sia dal Brennero verso Milano, sia dal Brennero verso Bologna. Sono lavori che, presumibilmente, potrebbero essere messi a gara per iniziare nel 2021 ed essere completati in due anni”.

Sara Gelli


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie