Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Il primo avvistamento di Pop e Rock meriterà ampia documentazione
Carpi | 20 Giugno 2019

I pendolari della linea Modena – Carpi – Mantova ancora non ci credono: la risposta alle loro lamentele per ritardi e cancellazioni dei treni sta arrivando sui binari. Dopo molti annunci, nel mese di luglio il collegamento sarà servito dai nuovi treni Pop e Rock con la loro velocità massima di 160 chilometri all’ora, una “accelerazione doppia” rispetto ai loro predecessori, le telecamere a bordo per la sicurezza e più posti per le biciclette, 18 sul Rock e otto sul Pop, con anche la possibilità di ricaricare a bordo quelle elettriche. Realizzati da Hitachi e Alstom, i nuovi treni sono predisposti per il wi-fi e hanno anche più occhio di riguardo per l’ambiente: sono accreditati del 30% di consumi in meno e sono riciclabili per il 97% dei componenti. I treni Rock, dalle prestazioni “paragonabili a quelle di una metropolitana”, possono portare fino a 1.400 persone, di cui 700 sedute e saranno destinati alle percorrenze più lunghe. I Pop, invece, trasportano circa 530 passeggeri di cui 300 seduti. La Regione Emilia Romagna e Trenitalia intendono dare così risposta al calvario dei pendolari perché “almeno la metà dei disagi segnalati in questi anni deriva dalla vetustà dei treni”.  L’altra metà dei disservizi ha cause che hanno recentemente assunto i contorni dell’incredibile: l’8 giugno le “corsette” Carpi-Modena sono state soppresse perché il capotreno era su un treno da Rimini che ha fatto ritardo per “circolazione perturbata” in seguito al guasto su un Intercity; il 27 maggio c’era stato un doppio guasto alla linea a un passaggio a livello tra Carpi e Rolo e a un segnale presso la stazione di Carpi; il 25 maggio le “corsette” erano state soppresse per malattia improvvisa del capotreno. Per il momento i pendolari si accontenteranno del rinnovo della flotta locale. Dopo decenni di disagi, hanno intenzione di immortalare questo momento storico: prima di esultare, aspettano di vedere coi loro occhi il miracolo annunciato.
Sara Gelli


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie