Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Il nuovo Curcuma è anche ristorante: mangiare in sicurezza e con gusto qui è possibile
Carpi | 09 Maggio 2019

Due anni fa, in via Catellani, 10/C, nasceva Curcuma, la gastronomia con piatti unici nel suo genere di carne, pesce e verdure, anche gluten-free e certificata da AIC - Associazione Italiana Celiaci. Da  qualche mese è diventata anche ristorante con un menù per tutti, per permettere anche ai celiaci e ai vegani di godersi un pranzo o una cena fuori casa in totale sicurezza e con un menù studiato ad hoc per ogni esigenza e scelta alimentare. “Curcuma è oggi un ristorante, oltre che una gastronomia, per tutti. Un posto altamente inclusivo  - racconta la titolare Catia Loschi, chef specializzata in alimentazione senza glutine e dietetica - che risponde alle esigenze di chi vuole mangiare tradizionale, vegetariano o vegano, di chi segue diete ipocaloriche e di chi ha intolleranze alimentari al glutine o al lattosio. Qui nessuno deve adattarsi al menù ma è il menù che si adatta a ogni persona. Per questo motivo ho creato antipasti, primi e secondi piatti, dolci e prodotti da forno specifici per ogni necessità, e ho rivisitato alcuni piatti della tradizione gastronomica emiliano-romagnola in una versione senza glutine. Il mio obiettivo è rendere l’esperienza a tavola da Curcuma gratificante per tutti perché so bene quanto possa essere frustrante per un celiaco o un vegano uscire a cena con gli amici e non poter mangiare pressoché nulla”.
Per offrire un menu così variegato e complesso quanta ricerca c’è?
“Davvero molta e ogni giorno mi impegno per fare sempre di più. Occorre analizzare le farine e sceglierle con cura per offrire prodotti nutrienti ed equilibrati. Ma non basta. Bisogna cucinarli in maniera gustosa, e senza certi ingredienti cardine della cucina italiana, diventa una sfida. E poi, si deve prestare attenzione per evitare contaminazioni. Per questo ho creato due cucine di cui una esclusivamente per i piatti senza glutine. E, infine, bisogna offrire tutto questo a prezzi accessibili. Vi assicuro che è davvero un lavoro complesso e che richiede molto sacrificio ma è un progetto in cui credo e che voglio portare avanti anche alla luce delle manifestazioni di apprezzamento e riconoscenza che ogni giorno ricevo quando, ad esempio, un celiaco può mangiare lasagne, erbazzone o bensone senza rischi e in maniera appagante. E poi ci sono i vegani e le persone che seguono diete ipocaloriche che qui trovano di tutto: dai burger vegetali agli sformatini di zucca, passando per l’apprezzatissima paella e i dolci senza zucchero”.
E’ stato complicato adeguare la gastronomia anche a ristorante?
“Ha richiesto un cospicuo investimento di tempo e denaro. Ho dovuto allargare l’ambiente e il bagno per renderlo accessibile ai disabili e ho dovuto seguire un iter burocratico per adeguare l’attività alla sua nuova identità, ma ne è valsa la pena. Chi viene da Curcuma può godersi un’esperienza gastronomica all’interno, nel rilassante contesto shabby chic o nel romantico giardino esterno o, ancora, portarsi i piatti direttamente a casa. Può organizzare feste e compleanni con il nostro servizio di catering o, semplicemente, consumare un pasto veloce in pausa pranzo. E avrà sempre l’opportunità di scegliere tra un’ampia gamma di possibilità. Qui tutti possono mangiare ciò che desiderano”.
Chiara Sorrentino


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie