Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Il Canile di Carpi insegna l’Abc del cane
Carpi | 28 Febbraio 2019

Il Gruppo Zoofilo Carpigiano Onlus, che gestisce il Canile di Carpi e Novi di via Bertuzza, 6/B, organizza ABCane, un ciclo di conferenze a ingresso gratuito, per raccontare, insieme a esperti del settore, tutto ciò che occorre conoscere per prendersi cura di un amico a quattro zampe e sfatare qualche leggenda metropolitana. “Gli obiettivi di questa rassegna - spiega Isabella, socia del Gruppo - sono molteplici: far conoscere l’esistenza e l’utilità del Canile, promuovere adozioni più consapevoli e responsabili per far diminuire gli abbandoni soprattutto di molossi, informare la cittadinanza circa i pericoli insiti nel fenomeno delle staffette dal sud e dall’estero e del diffondersi di malattie collegate a queste importazioni e, ancora, affrontare il tema della comunicazione (inter e intraspecifica) per poter così conoscere meglio il proprio cane e imparare come evitare situazioni di pericolo in casa e nel contesto urbano”. Il primo incontro, dal tema Le adozioni del cuore, si terrà  giovedì 28 febbraio, alle 21, all’Auditorium Loria: avete mai pensato di adottare un cane, magari commossi da una foto vista su Internet o da un appello spaccacuore? Per aiutare un cane, però, l’amore non basta: occorrono tempo, energie e denaro.
Nel corso della serata, il dottor Bruno Manuguerra, veterinario nonché ex direttore sanitario del Canile di Parma, illustrerà quanto sia complicata la gestione sanitaria di un canile, invitando tutti ad adottare più responsabilmente per evitare che gli animali vadano poi a ingrossare le fila degli ospiti di queste strutture. “Ogni anno nel nostro canile entrano circa un centinaio di animali, quasi tutti frutto di rinunce di proprietà o accalappiature di cani che nessuno cerca più e di cui è impossibile risalire ai proprietari. Adottare in modo intelligente e oculato - prosegue Isabella - rappresenta il primo passo per evitare abbandoni e salvaguardare il benessere dei nostri amici a quattro zampe”. Il ciclo prosegue il 16 marzo, alle 21, presso il Centro servizi per il Volontariato, con l’incontro Le motivazioni di razza, tenuto da Elena Garoni. Il 3 aprile, alle 21, all’Auditorium Loria, spazio a Cani e leggende metropolitane insieme a Luca Spennacchio, mentre il 14 aprile, alle 15, al PalaRotary di Sant’Antonio in Mercadello, l’associazione CaniperDavvero asd farà interagire cani e bambini per un pomeriggio di puro divertimento e di promozione della cultura cinofila tra i più piccini. A chiudere il ciclo organizzato dal Gruppo Zoofilo carpigiano sarà Margherita Carretti: il 22 maggio, alle 21, all’Auditorium Loria, l’esperta intratterrà il pubblico presente su Pet Terapy, relazione integrata.
J.B.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie