Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Ritrovare il benessere nell’orto
Carpi | 03 Febbraio 2019

Il viso baciato dal sole, le mani che affondano nella terra, assistere al miracolo della crescita secondo il ritmo delle stagioni… stare a contatto con la Natura fa bene al cuore e alla mente. Coltivare la terra rappresenta un vero e proprio toccasana non solo perché permette di avere sempre a disposizione deliziose verdure di stagione ma, soprattutto, perché un orto è vivo, pulsante. Prendersene cura, recuperando un antico sapere e facendo proprie le radici contadine della nostra terra, è una sfida tanto affascinante quanto coinvolgente.

Tra pianticelle e semi si ritrova il buonumore, il piacere della condivisione e un generale senso di appagamento. Ed è proprio da tali premesse che è nato il progetto Coltivare e cucinare in solidarietà, ideato da sei associazioni: Ushac, Aldilà del Muro, Sopra le Righe Dentro l’autismo, Gruppo genitori figli con Handicap di Soliera, Alice onlus e Acat Carpi e Mirandola. Realtà che, da anni, si prefiggono un unico obiettivo: sostenere i più fragili, per evitare fenomeni di marginalità sociale e solitudine. “Ci siamo uniti - spiega Carlo Alberto Fontanesi di Ushac - per presentare alla Regione Emilia Romagna un progetto comune, di area vasta, per tentare così di promuovere azioni maggiormente efficaci e di rete”. Dalla preparazione del campo alla semina, dalla conoscenza delle proprietà nutrizionali degli alimenti alla loro raccolta, alla cucina. Coltivare e cucinare in solidarietà è questo e molto altro ancora. Gli scopi dell’intervento, infatti, sono molteplici: “dal sostegno all’inclusione sociale di bimbi e adulti con disabilità e non autosufficienti, al contrasto dell’esclusione sociale. E, ancora, - prosegue Fontanesi - desideriamo instillare e rafforzare nei partecipanti il tema della cittadinanza attiva e, al contempo, generare forme di welfare di comunità”. Il progetto, che ha incassato il beneplacito della Regione e decollerà a breve, coinvolgerà “persone aderenti alle nostre associazioni ma potrà essere esteso anche ad altri. La nostra speranza è che tutto questo universo di fragili, dai ragazzi autistici agli adulti con trascorsi di alcolismo, dai disabili alle persone affette da disturbi mentali o con un passato funestato da un ictus, possa trarre giovamento dai laboratori di orticoltura e cucina, sperimentando sulla propria pelle benefici importanti come il recupero di abilità personali, autostima e maggiore autonomia, oltre a tessere relazioni significative, grazie alla condivisione di momenti piacevoli e costruttivi”. Le sedi dei laboratori saranno tre: il primo, prettamente rivolto ai più giovani, si terrà a Rovereto sul Secchia dove, presso la Polisportiva Roveretana verrà realizzato un orto su una striscia di terreno posta a est del campo da calcio, mentre si cucinerà e si mangerà nel fabbricato annesso e dedicato a riunioni e attività sociali.

A Soliera la base operativa sarà quella del Centro Polivalente Accanto, gestito dall’associazione Gruppo genitori figli con handicap; e, infine, a Carpi l’orto sorgerà nell’area esterna del Circolo Loris Guerzoni e, aggiunge Fontanesi, “sarà verticale, all’interno di casse di legno, per consentire anche a chi è costretto su una sedia a rotelle di lavorare la terra”. Il circolo metterà poi a disposizione la sua cucina attrezzata per trasformare i prodotti a chilometro zero in piatti succulenti “da gustare insieme, ovviamente”, sorride Carlo Alberto Fontanesi.

Jessica Bianchi


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie