Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Quando si dice giocare in casa…
Carpi | 30 Gennaio 2019

Il Care Residence, il cui progetto esecutivo è stato approvato dalla Giunta nel settembre del 2017, costerà 4,3 milioni di euro e sorgerà al posto di due degli stabili adibiti a magazzini del Servizio Verde Pubblico presenti nell’area della Cappuccina. A piano terra troveranno sede due Centri diurni (da venti posti ciascuno) mentre al primo e secondo piano vi sarà una residenza assistita con 14 appartamenti autonomi ma collegati ai servizi e agli spazi comuni sottostanti. Una struttura innovativa, pensata per gli anziani autosufficienti a vita sola o con una rete familiare debole e di cui in città si sentiva l’assoluta necessità. Da qualche giorno, in corrispondenza dell’area sulla quale nascerà il Care Residence, spiccano il cartello di inizio lavori (dopo aver presentato l’offerta più vantaggiosa, ad aggiudicarsi il bando per la costruzione è stato CME - Consorzio Imprenditori Edili Soc Coop, il quale ha affidato i lavori alla consorziata carpigiana Garc) e,  proprio accanto, quello riportante il contributo erogato per l’opera da parte della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi, ammontante a 900mila euro. Dopo essersi infatti aggiudicata la gara indetta dal Comune per la progettazione della parte strutturale e impiantistica (base 160mila euro) presentando un’offerta con un ribasso del 50%, alla società di ingegneria Enerplan srl di Corrado Faglioni sarà corrisposta una cifra pari a 80mila euro, saliti poi a 98mila dal momento che l’importo dei lavori è risultato più oneroso rispetto a quanto ipotizzato nel progetto preliminare. Sul presunto conflitto di interesse tra la sua attività di titolare di Enerplan, il ruolo di presidente in Fondazione dal maggio 2018 e gli stretti rapporti di lavoro con la città, Faglioni, nel settembre 2018, aveva dichiarato a mezzo stampa: “Ho precisato subito ai Consiglieri che dal momento della mia elezione non avrei preso alcun incarico dalle tre amministrazioni pubbliche di riferimento che potessero determinare conflitti di interesse. Ora lo posso riaffermare anche a seguito delle richieste che ho avute e che ho puntualmente rifiutate”.
Siam certi che resisterà alla tentazione e manterrà fede alla promessa.
Jessica Bianchi

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie