Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Vivere con una stomia
Carpi | 10 Ottobre 2018

Sabato 6 ottobre, nella suggestiva cornice di Villa Chierici, si è celebrata la Giornata mondiale dello stomizzato, nonché il 45° compleanno dell’associazione Aistom - Associazione Italiana Stomizzati. Protagonista indiscusso della giornata, alla quale hanno partecipato oltre cinquanta persone, il movimento e come questo possa migliorare sensibilmente il benessere psico - fisico delle persone che hanno affrontato un intervento di stomia. “La stomia - spiega Simona Vergnanini, infermiera stomaterapista e responsabile dell’Ambulatorio Stomaterapia e Servizio Domiciliare del Distretto di Carpi e Mirandola - non deve impedire alle persone di condurre una vita normale, di lavorare, viaggiare, avere figli o di praticare uno sport”. I relatori che si sono susseguiti, a partire dalla dottoressa Margherita Gavioli, medico referente dell’Ambulatorio Stomaterapia dell’Area Nord, hanno infatti ribadito più volte come l’attività fisica e qualche semplice esercizio di riabilitazione possano aiutare a riacquistare fiducia in se stessi e un buon livello di benessere. Per favorire il recupero, molto si può fare sin dalla fase di convalescenza, basta effettuare alcune semplici attività motorie grazie all’aiuto e al supporto degli stomaterapisti.
A Carpi molto si sta facendo per aiutare questi pazienti a sentirsi in armonia col proprio corpo: “giovedì 29 novembre, a partire dalle 15, organizzeremo un pomeriggio presso la palestra la Patria per ritrovarci insieme con l’obiettivo di supportare gli stomizzati nel percorso di riabilitazione affinché possano tornare il prima possibile alle loro attività quotidiane. Un’occasione - prosegue Simona Vergnanini - per ritrovare fiducia in se stessi attraverso la pratica di movimenti utili per rafforzare e tonificare i muscoli addominali dopo l’intervento, ridurre il rischio di sviluppare un’ernia parastomale e acquisire coordinazione ed equilibrio. E’ nostra intenzione ritrovarci in palestra quattro o cinque volte l’anno per creare un momento di aggregazione, informale e istruttivo al tempo stesso, che si concluderà con un’apericena”. La giornata, organizzata da Aistom, è stata un successo, anche grazie alla perfetta accoglienza e ai deliziosi piatti preparati dai padroni di casa di Bistrò 53.
J.B.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie