Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Svelato il manto dorato dell’Assunta
Carpi | 07 Settembre 2018

Il restauro della statua della Madonna Assunta, che si venera in Duomo, a Carpi, da oltre 500 anni, è ormai terminato e la comunità carpigiana potrà dunque riscoprire una delle testimonianze più significative del proprio patrimonio di fede, storia e arte.
Commissionata nel 1515 da Alberto III Pio e realizzata a Parigi dall’intagliatore carpigiano Gaspare Cibelli, la scultura, che le cronache raccontano essere giunta a Carpi dentro una cesta e portata in solenne processione per la prima volta nel 1516, è annoverata fra le più interessanti opere lignee del territorio emiliano. Il restauro, deciso dalla Diocesi di Carpi dopo il terremoto del 2012, è stato eseguito dalla società Alchimia di Cavezzo e finanziato da Lions Club Carpi Host, Rotary Club Carpi e Lions Club Alberto Pio attraverso specifici service tesi a raccogliere fondi.
Un’immagine da riscoprire: le cromie originali
Iniziato nel 2015 dopo un’intensa fase di diagnostica, il recupero della statua è stato realizzato presso Palazzo Pio, dove la direzione dei Musei ha messo a disposizione un adeguato supporto logistico che ha favorito il lavoro dei tecnici, rispondendo al contempo alle necessità di natura conservativa dell’opera. Il restauro, infatti, è stato caratterizzato non solo dal rafforzamento statico e strutturale della statua ma anche, e soprattutto, dalla riscoperta delle cromie originali cinquecentesche, così da riportarla al suo originale splendore. Su indirizzo della Soprintendenza Belle Arti regionale, sono state eliminate le coperture pittoriche risalenti al restauro ottocentesco - quando la statua fu portata sull’abside che sovrasta l’altare maggiore del Duomo - e sono state riportate a nuova vita le magnifiche decorazioni e colorazioni auree che rendono unica l’opera.
Restauro della “mandorla” dei cherubini
La conclusione del restauro della statua precede di alcuni mesi il recupero della “mandorla” di cherubini che storicamente fa da corona al corpo centrale - ovvero alla figura della Madonna - e completa l’opera; il restauro della “mandorla” sarà terminato entro il mese di novembre: solo allora si potrà di nuovo collocare l’Assunta in Duomo.
Progetto espositivo della mostra
La Diocesi ha deciso di rendere visibile la statua restaurata tramite un progetto espositivo (realizzato con il sostegno dei Club di servizio cittadini) allestito presso il Palazzo vescovile al fine di far conoscere le fasi di recupero dell’opera e di illustrare il suo valore per la comunità, permettendo alla cittadinanza di apprezzare questo importante simbolo nella sua nuova veste messa in evidenza dalla riscoperta della cromia originaria.
Verso l’8 dicembre, quando la statua tornerà in Duomo
La mostra costituisce l’elemento centrale di una serie di eventi culturali ed ecclesiali che faranno da prologo alla solenne celebrazione di sabato 8 dicembre, quando la statua farà il suo ingresso in Cattedrale. Fra le iniziative, la rassegna di concerti Musica a Palazzo, presso il Palazzo vescovile, nelle serate del 9, 21 e 27 settembre.
Orari di apertura
L’apertura della mostra è sabato 8 settembre. Sarà aperta al pubblico ogni sabato (ore 10-12 e ore 16-19; ultimo giorno sabato 1° novembre). Negli altri giorni della settimana saranno possibili visite guidate (dedicate agli istituti scolastici e d’arte) e su prenotazione.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie