Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
La tangenziale non è una discarica!
Carpi | 02 Agosto 2018

Gabriele B. ha allegato alla mail una galleria fotografica che comprende più di trenta immagini dell'intera via Enrico Fermi per documentare le condizioni di questa strada "che - scrive Gabriele - sono rappresentative dello stato di degrado in cui versa un po' tutta la tangenziale Bruno Losi e probabilmente anche molte altre zone di Carpi. Percorro queste strade tutti i giorni per lavoro e ne ho la nausea.

Il primo problema naturalmente è la maleducazione di tanti automobilisti e camionisti ma visto che nessuno fa niente nei loro confronti sorge il secondo problema, ovvero pulire il verde prima di tagliare l'erba e non dopo o addirittura ogni tanto, altrimenti succede quello che si vede in queste foto. Plastica ovunque, sminuzzata in parti sempre più piccole, quindi impossibili da raccogliere che finiranno inevitabilmente nel terreno, nelle reti fognarie alle prime piogge ed infine nelle falde acquifere inquinandole ulteriormente.

E' ovvio che pagare della gente che tenga pulita una città sempre più sporca sia un costo ma anche cambiare con sempre maggiore frequenza le fruste e le lame delle falciatrici lo è quindi... visto che sono comunque tutti costi sostenuti dai contribuenti preferirei venissero spesi meglio i nostri soldi investendo in sistemi di riconoscimento e identificazione dei trasgressori per cominciare a sanzionarli. Visto che le leggi ci sono cominciamo ad applicarle. Cominciamo quindi a prelevare più che giustamente i soldi che servono dagli stessi maleducati che hanno portato Carpi in questo stato di degrado e per chi non può pagare non c'è nessun problema, lo si manda ai servizi socialmente utili come appunto la raccolta di rifiuti, neanche a farlo apposta.

L'amministrazione comunale non può continuare a far finta di niente e contare sempre sull'indifferenza generale o sulle iniziative private di brava gente che gratuitamente si preoccupano di tenere pulite alcune aree della città. Così non si risolve il problema, anzi lo si alimenta perché i trasgressori impuniti continueranno a sporcare "tanto c'è chi pulisce per noi" e il comune si ritrova volontari che a costo zero gli tengono pulite alcune aree della città.

La sensibilizzazione della cittadinanza su questo tema può anche darsi che sia già in corso, penso alle scuole ad esempio ma prima di vederne i frutti passerà troppo tempo. Carpi ha comunque bisogno di un intervento urgente. Non vedo altre alternative. Grazie". Gabriele B.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie