Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Il verde nei numeri
Carpi | 27 Luglio 2018

Parco della Memoria a Correggio: 180mila mq, Parco di via Magazzeno a Carpi: 61mila mq, Parco Pertini di via Bollitora: 35mila mq, Parco della Cappuccina, a fianco del Cimitero (da realizzare): 120mila mq, Parco Lama (il sogno): 1 milione 241mila mq

Un grande parco per Carpi. L’unico obiettivo della campagna iniziata su Tempo nel settembre del 2009 era quello di battersi per ottenere un’area verde di almeno 150mila metri quadrati, un polmone per la città. Un luogo in cui trascorrere il proprio tempo libero e in cui poter socializzare. Un grande parco per completare la dotazione di aree verdi in città.

Per mesi furono pubblicate intere pagine con interviste e commenti per sensibilizzare i carpigiani in un percorso che non poneva ‘paletti’ rispetto all’ubicazione del grande parco urbano, nel rispetto delle competenze dei nostri amministratori e politici.

Un gruppo di cittadini diede vita al Comitato per il Parco Lama individuando nell’area ovest della ferrovia l’area per ospitare il grande parco urbano ma non fu l’unica proposta avanzata in quei mesi. L’associazione Panda, per esempio, avanzò un progetto per l’area nord della città: il Polo storico ambientale don Zeno.

Già allora l’amministrazione comunale definì prioritaria l’acquisizione dell’area attorno al cimitero cittadino per realizzare e concretizzare l’idea di creare qui un grande polmone verde: a distanza di quasi dieci anni è stato presentato in Consiglio comunale il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione del nuovo Parco della Cappuccina.

Nel dicembre 2010 fu approvato dal Consiglio comunale, col voto di Pd e Alleanza per Carpi, un ordine del giorno che impegnava l’amministrazione a realizzare uno studio di fattibilità anche per la realizzazione di Parco Lama per decidere modalità dello sviluppo dell’area, tempi e risorse per rendere attuabile il progetto. Ci vorranno altri dieci anni ma non bisogna mollare.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie