Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Carpi fa il bis col Da Vinci!
Carpi | 16 Maggio 2018

L’edizione è la dodicesima, ma la competizione in campo non accenna a calare: ogni anno l’evento finale di Bellacoopia, il concorso per le scuole di Modena e Ferrara promosso da Legacoop Estense, è teatro di una sfida a suon di tecnologie, allestimenti scenici, sorprese e performance teatrali per aggiudicarsi il premio forse più ambito, non tanto per il valore economico quando perché su quello la sfida si gioca in diretta: il premio BC Factor! Se infatti i tre premi principali di categoria – per capacità di innovazione, sostenibilità e rispetto delle pari opportunità – vengono decisi al termine del percorso da una giuria di esperti che valuta le start up cooperative progettate in classe - il premio per la miglior rappresentazione scenica viene assegnato da una giuria riunita appositamente per la finale, che prima valuta una a una le performance cui assiste, e poi proclama la vincitrice. Quest’anno gli aspiranti imprenditori cooperativi sono giunti da più parti: Modena – con Dante Alighieri, Wiligelmo e Barozzi – Carpi, con il Leonardo da Vinci, e Pavullo con il Cavazzi Sorbelli.
Ad aggiudicarsi il premio (1.000 euro) per la start up più innovativa il Tele-Bus prodotto dalla cooperativa SNT - Sensor Network Technologies ideata dalla 4AE del Da Vinci: un dispositivo che, grazie a un impianto di sensoristica collegato a un microcontrollore, convalida abbonamenti e biglietti in modo contactless, solo varcando la porta d’ingresso. Un’innovazione anche per le aziende di autotrasporti, che potranno verificare in modo sicuro ed efficace il numero di persone presenti su ogni automezzo.
E’ invece di Pavullo la start up più sostenibile (premio 1.000 euro), Homo Faber: la cooperativa ideata dalla 4A Istituto Cavazzi Sorbelli di Pavullo recupera antichi mestieri rispettosi delle risorse, dell’ambiente e delle tradizioni, attraverso la riqualificazione della storica Via Mercato di Pavullo, dove apriranno diverse botteghe artigiane: falegnameria, sartoria, tessitura, lavorazione delle pelli… Ogni bottega sarà condotta da un anziano mastro che avrà come apprendisti i soci della cooperativa, in una sorta di staffetta generazionale.
Infine il premio (sempre 1.000 euro) alla migliore start up cooperativa in termini di inclusione sociale è stato assegnato a Tree of Life, ideata dalle classi 4 e 5 Tecnico, 4 e 5 Liceo Scientifico Istituto Dante Alighieri di Modena: la cooperativa si occupa della graduale riforestazione del territorio attraverso diverse attività, tra cui la campagna di sensibilizzazione Re-Forest per acquistare alberi di specie autoctone da mettere a dimora in terreni, parchi cittadini e aree di qualificazione, e un’Azienda Agricola con B&B e Agriturismo come punto di eccellenza per il turismo sostenibile ed enogastronomico
Ad aggiudicarsi il premio BC Factor (1.000 euro), per la migliore performance scenica, è stata la cooperativa Cheetech presentata dalla 4^AM dell’Itis Leonardo da Vinci di Carpi. Con l’immancabile conduzione de La Strana Coppia di Radio Bruno, media partner di Bellacoopia, si è così conclusa la dodicesima edizione del concorso. Al prossimo anno!

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie