Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
La ricerca è speranza
Carpi | 06 Aprile 2018

“Se non fosse per Telethon, la ricerca e i farmaci per le malattie genetiche rare resterebbero orfane di finanziamenti perché non sono statisticamente rilevanti. Contribuire alla raccolta fondi significa garantire un sostegno a chi non potrebbe averlo altrimenti” spiega Ermanno Zanotti, volontario e coordinatore provinciale di Telethon.

E’ il caso, per esempio, dei “bambini farfalla” affetti da epidermiolisi bollosa giunzionale, come Hassan che è arrivato a Modena in condizioni gravissime dopo aver perso l’80% della pelle: è stato curato al Centro di Medicina Rigenerativa dell’Università di Modena e Reggio Emilia, dal team guidato da Michele De Luca che già nel 2006, grazie anche ai finanziamenti di Telethon, aveva messo a punto una sperimentazione clinica che sfruttava la terapia genica per curare l’epidermiolisi. “Attualmente – precisa Zanotti - sono tre i progetti finanziati da Telethon a Modena”. Un gruppo di ricerca, coordinato da Antonello Pietrangelo presso il Centro di ricerca dell’Università di Modena e Reggio Emilia, si dedica alle malattie ereditarie del metabolismo del ferro, con particolare riferimento all’emocromatosi ereditaria.  Serena Carra presso il Dipartimento di Scienze biomediche, metaboliche e neuroscienze dell’ateneo modenese studia il ruolo di particolari proteine nell’insorgenza di malattie muscolari e neuromuscolari.  Infine, Rossella Tupler, responsabile del laboratorio Miogen presso il Dipartimento di Scienze biomediche, nella sua attività di ricerca si occupa di una rara malattia neuromuscolare, la distrofia facio-scapolo-omerale. “La ricerca può donare una speranza concreta – continua Zanotti – e finanziandola possiamo offrire risposte e terapie a persone che altrimenti, in molti, casi, non avrebbero speranza”. Con questa motivazione, Zanotti si impegna nelle campagne di raccolta fondi, attraverso concerti, eventi e incontri di sensibilizzazione (Telethon sarà presente al Centro Commerciale Borgogioioso il 5 e 6 maggio) e, con l’aiuto di sponsor e il sostegno di altre associazioni come Avis e Uildm, ogni anno si arriva a una cifra intorno ai 20mila euro di raccolta fondi in provincia di Modena. “A decidere la destinazione dei finanziamenti è la commissione medico scientifica composta da commissari che provengono da ogni parte del mondo (pochi sono italiani per minimizzare i conflitti di interesse) e restano in carica quattro anni. Tutti gli anni viene stilata una relazione sui risultati ottenuti”.

Dopo la maratona di Telethon a dicembre, ora c’è in programma una Maratona di Zumba a Carpi e Zanotti assicura la propria presenza, “… naturalmente non per ballare la zumba” sorride.

Sara Gelli

 

Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie