Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Roberto Vecchi ringrazia lo staff dell’ospedale Ramazzini
Carpi | 07 Marzo 2018

Mentre eseguivo esercizi a corpo libero il tendine del braccio sinistro ha ceduto e vi lascio immaginare in quale dimensione ero scivolato dal punto di vista psicologico. Obiettivi a cui dovrò rinunciare, gare e manifestazioni alle quali non potrò partecipare per molti mesi avevano preso spazio nei miei pensieri oscurandoli.  Ormai il mio trauma è già una cosa pubblica, scopo di questa lettera è gratificare e rendere pubblico il valore del dottor Alessio Canali che mi ha operato con tanta competenza e professionalità, e dello staff delle infermiere che mi hanno accudito e coccolato per i quattro giorni di degenza nel Reparto di Ortopedia. Troppo spesso l’umanità e la professionalità delle infermiere vengono considerate “dovute” e scontate. Grazie a loro il mio momento nero è durato giusto qualche minuto: le attenzioni, la presenza continua in camera, le cure e i loro sorrisi mi hanno fatto sentire al sicuro da subito. Credo di aver capito la loro motivazione vera, la molla che spinge una persona a dedicarsi agli altri con amore – vedere una persona uscire dal reparto sorridente e felice di raggiungere la sua famiglia ricordando a malapena il momento di sofferenza in cui era entrato – credo sia questo il vero motivo che li rende orgogliosi di essere ciò che sono.  A loro va il merito di riuscire a trasformare quei momenti dove si unisce il dolore del trauma fisico alla sofferenza silenziosa dei sogni infranti in momenti dove si elaborano nuovi sogni e nuovi obiettivi. Ora devo portare il gesso per quattro settimane, poi fra tre mesi potrò ritornare a muovermi dopo un congruo periodo di riabilitazione per gli arti superiori. Il palco di Men’s Physique e le gare Spartan Race per molti mesi, come ho già detto, dovranno fare a meno di me perché dedicherò tutta l’energia che ho a un nuovo progetto di lavoro: unire più personal trainer in un’unica struttura. Ecco il mio obiettivo per il 2018.
Roberto Vecchi, personal trainer


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie