Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Nuovo ospedale? A Cesena 100 milioni di euro dalla Regione
Carpi | 01 Febbraio 2018

La realtà dell’Ospedale Ramazzini di Carpi è stata più volte denunciata su queste pagine. Le criticità strutturali ne limitano la fruibilità con percorsi non certamente agevoli per i pazienti e il personale ospedaliero, impediscono di individuare spazi per aree da dedicare alle nuove tecnologie diagnostiche e terapeutiche, impongono ulteriori interventi sull’antisismica con inevitabili disagi. Insomma, una struttura costruita per padiglioni in fasi successive a partire dal 1922 limita fortemente le possibilità di un’evoluzione coerente rispetto a bisogni sanitari che cambiano e tecnologie che progrediscono. C’è bisogno di posti letto di area intensiva e semi-intensiva (oggi sottodimensionati) e sempre meno di quelli di degenza ordinaria e day hospital (in particolare per trattamenti chirurgici). Alla luce di queste considerazioni e anche dei costi di ammodernamento dell’esistente, appare di gran lunga più vantaggiosa la realizzazione di una nuova struttura ospedaliera in grado di rispondere alle esigenze organizzative e funzionali della moderna sanità. E’ la medesima conclusione a cui sono arrivati a Cesena dichiarando che appare più conveniente realizzare un nuovo ospedale piuttosto che procedere con continui interventi su quello esistente: la Regione Emilia Romagna ha approvato il 25 gennaio scorso lo studio di prefattibilità in base al quale la nuova struttura, che si svilupperà su una superficie di 75mila mq e avrà una capacità di posti letto non molto diversa dall’attuale, costerà 156 milioni di euro di cui 100 milioni a carico della Regione e 56 dell’Ausl. Sarà pronta tra 5-8 anni.    
E Carpi? Mentre ancora stavamo pagando la scelta non certo lungimirante di costruire a Modena il nuovo ospedale di Baggiovara, nel 2012 il terremoto ha dato l’occasione, pur nella sciagura, di ripensare a un unico ospedale per Carpi e per la Bassa modenese. Evidentemente hanno prevalso i campanilismi e la maggior parte dei fondi post terremoto è stata destinata al Policlinico di Modena. E’ davvero un paradosso avere in casa un’azienda come CMB, leader nel settore delle costruzioni ospedaliere in tutto il mondo e restare, ancora una volta, a bocca asciutta. Cento milioni non sarebbero stati sufficienti? Ce li saremmo fatti bastare. I soldi però ci sono solo per quei territori dove c’è la volontà di investire.

Sara Gelli

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie