Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Concerto di Natale: tutto esaurito in Cattedrale
Carpi | 04 Dicembre 2017

“Sono davvero felice, e sinceramente emozionato, di essere qui stasera, a esibirmi in questo bellissimo tempio, davanti a così tante persone”: il Tenore Matteo Macchioni ha salutato con queste parole il migliaio di persone convenute ieri sera, sabato 2 dicembre, a Carpi, presso la Basilica di Santa Maria Assunta, per assistere al Concerto di Natale, promosso da PartLab Eventi con il patrocinio della Diocesi e del Comune di Carpi.
Un evento di grande successo, dunque, che ha fatto registrare il tutto esaurito, a testimonianza dell’affetto che la città dei Pio nutre sia per la propria Cattedrale, riaperta al culto, dopo cinque anni, la scorsa primavera, a seguito della conclusione delle opere di restauro resesi necessarie dopo il sisma del 2012, che per il giovane artista sassolese, che ha scelto proprio Carpi per esibirsi prima di riprendere i suoi concerti nei teatri europei, e che ieri sera è stato accompagnato dal pianoforte del Maestro Mirca Rosciani e dalla voce del Soprano Francesca Tassinari.
I brani eseguiti, tra repertorio classico e contemporaneo, hanno seguito e sviluppato il tema degli inni mariani, tanto per omaggiare la Santa cui la Cattedrale è consacrata, quanto per ricordare la Peregrinatio Mariae, svoltasi proprio a Carpi lo scorso settembre, nel centenario delle apparizioni di Fatima e in segno di solidarietà con i cristiani iracheni perseguitati per la fede.
Introdotto dalle parole dei giornalisti Maria Silvia Cabri e Pierluigi Senatore - che hanno presentato la serata ricordando come la Cattedrale rappresenti, oltre alla comunità dei fedeli, anche il simbolo di un territorio i cui cittadini hanno saputo farsi forza e reagire al trauma del sisma stringendosi insieme e rimboccandosi le maniche per ricostruire quanto era stato danneggiato - il Vescovo di Carpi, Sua Eccellenza Monsignor Francesco Cavina, ha salutato i presenti, ringraziando gli organizzatori della serata e augurando a tutti: “un godimento spirituale, perché abbiamo bisogno di percepire che stiamo bene, non soltanto fisicamente, ma anche e soprattutto quando il nostro spirito è sano e capace di godere delle cose belle del mondo. E penso che la musica rappresenti proprio questa esperienza, un’elevazione spirituale per rendere lode al Signore”.

 


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie