Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Le trattative e la responsabilità precontrattuale
Avvocato | 06 Novembre 2017

Le trattative costituiscono la fase preliminare alla stipula di un contratto. Hanno un carattere preparatorio e strumentale al raggiungimento o meno dell’accordo e acquistano valore quando si conclude il contratto. Il legislatore ha tuttavia previsto una tutela delle parti in questa fase precontrattuale. In particolare l’art. 1337 del Codice Civile impone alle parti di comportarsi secondo buona fede nello svolgimento delle trattative e nella stipulazione del contratto. La buona fede è quella oggettiva, intesa come condotta corretta e leale. Dalla violazione di questi doveri discende la responsabilità precontrattuale. Dal lato pratico la giurisprudenza ha qualificato, quale responsabilità precontrattuale, la violazione degli obblighi di chiarezza, di custodia e segreto, di avviso e di informazione, di compiere gli atti necessari per la validità e l’efficacia del contratto.  Il successivo art. 1338 c.c. prevede infatti che “la parte che, conoscendo o dovendo conoscere l’esistenza di una causa di invalidità del contratto, non ne ha dato notizia all’altra parte è tenuta a risarcire il danno da questa risentito per aver confidato, senza sua colpa, nella validità del contratto”. L’entità del danno risarcibile è tuttavia diversa rispetto a quella dovuta in caso di inadempimento del contratto. Secondo la giurisprudenza maggioritaria i danni sono limitati al cosiddetto “interesse negativo”, rappresentato  dal pregiudizio subito dalla parte per essere stata coinvolta in trattative che non hanno portato a nulla e per  avere impiegato risorse ed energie, nonché nella perdita di chance di altre stipule ugualmente e/o maggiormente vantaggiose. Il danno risarcibile quindi è costituito dal danno emergente per le spese e le perdite collegate alle trattative (ad esempio spese per i viaggi, per l’acquisto di attrezzature, per progettazioni e per compensi tecnici)  e dal lucro cessante relativo ai vantaggi che si sarebbero conseguiti con altre contrattazioni.

 


Altre notize della rubrica Avvocato
Tutte le notizie di questa rubrica

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie