Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Un poliambulatorio per Arquata
Carpi | 27 Ottobre 2017

Ospiterà un pediatra, un medico di base e un ginecologo il poliambulatorio inaugurato ad Arquata del Tronto costruito da Medici con l’Africa Cuamm per garantire assistenza medica alle comunità delle zone colpite dal terremoto del 24 agosto 2016. Alla cerimonia, mercoledì 18 ottobre, ad Arquata, erano presenti i donatori e i fornitori che hanno contribuito alla realizzazione del progetto, tra cui l’associazione Ho Avuto Sete e la Parrocchia di Limidi. In tutto quindici persone facevano parte della delegazione modenese tra cui Paolo e Andrea Ballestrazzi e il parroco di Limidi Don Antonio Dotti.  Interamente in legno, 70 metri quadrati con sala d’attesa e tre stanze attrezzate per le visite mediche, il poliambulatorio potrà accogliere ogni giorno un medico di base, un pediatra di base e un ginecologo disponibile su appuntamento, oltre che un servizio di assistenza psicologica. In questo modo la popolazione, che dopo il sisma è stata costretta ad abbandonare le proprie case e a ricominciare da zero, potrà contare sulla presenza stabile di medici esperti nella comunità: con il sorgere dei villaggi di moduli abitativi di emergenza, almeno 800 persone potranno beneficiare dei servizi del poliambulatorio, senza contare gli abitanti delle zone limitrofe o gli sfollati dei paesi vicini. I donatori e i fornitori che hanno contribuito alla realizzazione del progetto sono: Fondazione Rizzato Cerino – Canova, Morellato, Italpizza Srl, Parrocchia di Limidi e Associazione Ho Avuto Sete, oltre che Alì, Ferrovieri con l’Africa e tanti altri. 

S.G.


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie