Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
A scuola di incisione allo Spazio Meme
Carpi | 06 Ottobre 2017

Veronica Azzinari sperimenta da anni le tecniche dell’incisione e ha intrapreso un personale percorso attraverso la calcografia, concentrandosi, nel tempo, sulle tecniche a basso impatto ambientale e sulle loro possibilità sperimentali: e saranno proprio questi i temi affrontati, in maniera teorica e concreta, in Calcografia sostenibile, il laboratorio che si terrà presso lo Spazio Meme di Carpi (al civico 4 di via Giordano Bruno) domenica 8 ottobre dalle 9 alle 17. Il laboratorio, primo del ciclo di incontri della rassegna Vestire l’arte, promossa da Spazio Meme insieme a Carpi Fashion System, è pensato per tutti, neofiti e addetti ai lavori, a partire dai 14 anni d’età, e sarà dedicato all’antica arte dell’incisione, con uno sguardo alla contemporaneità e alla sostenibilità.  Veronica Azzinari fornirà ai partecipanti soluzioni innovative, attraverso la sperimentazione e l’utilizzo di metodi e materiali sostitutivi non tossici, tra cui l’alluminio, elemento di facile reperibilità che permette diversi giochi di tipo materico e pittorico durante i passaggi di morsura, per i quali si utilizzeranno esclusivamente acidi a basso impatto ambientale, producibili anche in casa. A tal fine, sarà preparato anche un ricettario. L’esperienza rappresenterà una fondamentale occasione di aggiornamento dal punto di vista espressivo, poiché la tecnica e il linguaggio dell’incisione sono in continua evoluzione. Al termine del workshop, ogni partecipante avrà prodotto una grafica (formato A4) in incisione calcografica a un colore. Le matrici saranno di proprietà dei partecipanti, utili per eventuali, future tirature (per informazioni e iscrizioni: spaziomeme@gmail.com). Patterns, le timide trame sarà invece il titolo dell’appuntamento successivo che, sabato 18 e domenica 19 novembre, sarà condotto dall’artista Marta Jorio e della tessitrice Amparo Tavera e dedicato allo studio della teoria dei colori e alla progettazione di motivi a ripetizione unite alla pratica della tessitura a telaio. Contemporaneamente al ciclo di laboratori, continua poi la mostra di Claudia Marini, Passaggi di forme. Mosaici e collage in divenire, visitabile sino al 17 dicembre presso lo Spazio Meme.


Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie