Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
L'autunno caldo di Cna
Carpi | 27 Settembre 2017
 
La preoccupazione dei dipendenti è più che legittima e, dopo che per mesi si sono rincorse le voci più disparate, le prossime settimane saranno decisive  per il futuro di Cna Modena (foto di repertorio, sciopero a Bologna, novembre 2016). Una delle associazioni più grandi e rappresentative del nostro territorio è, infatti, alle prese con una situazione debitoria particolarmente grave: il bilancio del 2016 si è chiuso con una perdita di esercizio pari a 3 milioni e 318mila euro e numeri così drammatici da indurre Cna Servizi società cooperativa al conferimento del ramo d’azienda a Cna Servizi Modena Srl. A incidere sul bilancio in rosso, non solo le difficoltà economiche generate dalla crisi ma anche scelte strategiche che hanno caratterizzato le precedenti gestioni nell’era di Maurizio Torreggiani, dimessosi nel maggio del 2016 dopo 24 anni alla presidenza di Cna Modena. Il passaggio da Società cooperativa a Srl su 630 complessivi del sistema Cna riguarda i 450 dipendenti di Cna, che resta un punto di riferimento per le aziende artigiane e le piccole industrie della nostra provincia. “Da quando ci siamo seduti al tavolo delle trattative abbiamo chiarito – spiega Alessandro Fili della Cgil – che non era in discussione la pianta organica dell’associazione: tutti i 450 dipendenti passeranno con i loro contratti da Cna Servizi società cooperativa a Cna Servizi Modena srl”. Nel corso dell’estate si sono tenute le assemblee e i dipendenti hanno ricevuto rassicurazioni sul loro futuro.  Non è esclusa però la possibilità che i singoli rami d’azienda, gestiti da società che fanno capo a Cna Modena, possano essere ceduti a eventuali altre società che si presentassero con una precisa richiesta: è sostanzialmente questo lo spettro che agita il personale e alimenta leggende metropolitane che finora non hanno trovato un riscontro concreto.  Sul territorio delle Terre d’Argine c’è da registrare la chiusura, confermata da Cna attraverso l’Ufficio Stampa, della sede dove l’associazione di categoria era in affitto a Rovereto e il trasferimento dei dipendenti, una decina in tutto, di Uniced Servizi, società di Cna, da Rovereto a Carpi, negli uffici di via Peruzzi mentre la sede principale resta aperta in via Ugo da Carpi.
Sara Gelli

Ultime notizie

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie