Meteo Carpi
Il Tempo in versione PDF

Un vuoto esistenziale che fa paura
Carpi | 05 Maggio 2017

”Provo un brivido al pensiero della decisione che hanno preso, dei rischi che hanno corso, di fare seriamente del male a se stessi e ad altri, del loro bisogno di dimostrare che esistono e della loro rabbia”. A parlare è la docente dell’Istituto Meucci, Alessandra Gasparini, dopo lo sconcertante atto vandalico perpetrato la scorsa settimana da tre studenti (due del Meucci e uno del Vallauri). Un episodio che ha letteralmente sconvolto l’intera comunità. “Molti docenti - spiega - si stanno ponendo numerosi interrogativi, non tanto sul fatto di non aver seguito abbastanza questi ragazzi, poiché la nostra scuola è ricca di iniziative e progetti che ci portano a fare esperienze vive insieme ai nostri studenti, quanto sul modello sociale che anche noi adulti abbiamo contribuito a creare. Ogni giorno si sforziamo di far sentire questi ragazzi ideatori e costruttori di qualcosa di bello. Li coinvolgiamo affinché si sentano protagonisti. E’ una sofferenza sentir serpeggiare nell’aria commenti negativi sul Vallauri e il Meucci, scuole che amo poiché vi ho trascorso gran parte della mia passata e attuale vita professionale. Istituti nei quali si lavora per e con i ragazzi”. Quanto accaduto obbliga in qualche modo anche gli insegnanti a ripensare il proprio ruolo: “i ragazzi hanno bisogno di fare esperienze insieme a noi adulti, poiché siamo noi a trasmettere loro il senso della responsabilità, del rispetto, della fiducia. Siamo noi che possiamo donare loro orizzonti di senso affinché credano di poter costruire qualcosa di positivo”.
In una realtà in cui a dominare sono soltanto passioni tristi, i più giovani hanno più che mai bisogno di buoni maestri capaci di colmare, seppure in parte, un preoccupante vuoto esistenziale, soprattutto laddove la famiglia latita. “Insieme ai miei studenti stiamo riflettendo sul fatto che in situazioni di grave difficoltà, non tutti hanno la stessa forza d’animo, non tutti sviluppano una propensione a vedere il lato pieno del bicchiere. Il carattere incide sulle nostre azioni, contribuendo a orientarci verso la costruzione piuttosto che la distruzione. A un certo punto occorre fare una scelta”.
Nella società odierna sono numerose le famiglie problematiche, “ci sono genitori separati e non solo che non si prendono cura dei propri figli. Ragazzi completamente abbandonati a loro stessi che decidono di accontentarsi delle cose più mediocri e che per colmare il vuoto che hanno dentro e provare un’emozione, sentono la necessità di picchiare qualcuno, di fotografarlo o riprenderlo, per poi postarlo in Rete”. Tanto dura quanto amara l’analisi che Alessandra Gasparini compie del nostro tempo dominato dai social: “questa generazione è cresciuta su Facebook. Tutto viene vissuto attraverso i social: le liti, le discussioni, i dibattiti… tutto si consuma on line. Non vi è spazio per un confronto concreto e la visione surreale della vita porta poi i giovani a confondere la realtà con la sua riproduzione virtuale. Alcuni ragazzi vivono i loro pomeriggi - per non dire le intere giornate, dal momento che molti maturano prolungate assenze da scuola - davanti al computer. Si lasciano e si riappacificano on line, sparlano dell’amico o dell’amica in Rete. Danno in pasto ai social la vita privata di chi hanno intorno, a volte con conseguenze catastrofiche. I miei studenti mi parlano di gruppi di ragazzini di varie etnie che vanno in giro per Carpi a fare i bulli, danneggiando aiuole, deridendo le donne che incontrano, scattando foto imbarazzanti per poi ricattare i soggetti ritratti… Ciò che è accaduto la scorsa settimana ci riempie di tristezza (e io mi sento vicina al dolore delle tre famiglie) e ci obbliga a metterci in discussione ma siamo anche profondamente indignati per un modello di società che noi adulti abbiamo contribuito a costruire: non dovremmo riunire i ragazzi, parlare con loro, scambiare riflessioni, leggere e commentare testi inerenti al vuoto interiore che la nostra società teoricamente condanna ma di fatto promuove, mercificando tutto, spingendo all’arrivismo, mostrando un quotidiano esempio di corruzione dei costumi, favorendo attraverso i media l’esaltazione di modelli comportamentali completamente privi di valori profondi, di ideali per cui valga la pena vivere? Chi non aderisce è fuori dal gioco, chi non si fa notare nel bene, ma più spesso nel male, non ha diritto di esistere. Non esiste proprio. Vogliamo far capire ai ragazzi che incontriamo quotidianamente e tramite loro agli altri che esistono comunque e che sono importanti, anche quando non ce la fanno a ottenere buoni risultati scolastici, perchè dentro di loro ci sono tante potenzialità inespresse? Questi ragazzi hanno di fronte a sé infinite possibilità di fare cose belle, anche se vivono situazioni difficili. Dobbiamo ricordarglielo. Ogni giorno”.
Jessica Bianchi

 


Ultime notizie
Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie

Borsa
Più lette del mese
Si ribalta un'ambulanza della Croce Rossa
2017-07-12

Questa mattina, poco dopo le 11, in via Chiesa Cortile, un'ambulanza della Croce Rossa, con a...

E' scappato il 17enne condannato ieri a due anni di carcere dopo il fattaccio del Meucci
2017-07-14

Nella tarda serata di ieri il diciassettenne reo di aver vandalizzato il Meucci di Carpi e scorra...

Auto cappottata in viale Manzoni
2017-07-15

Forte schianto tra due auto in viale Manzoni all'altezza con via Anna Frank. Un'auto prob...

In via Cuneo arriva la Notte Fluo
2017-07-12

E chi l’ha detto che la movida è solo in centro storico? I commercianti di via Cuneo...

Arrestata dai Carabinieri di Carpi la banda che rapinò la villa di Daniela Malpighi
2017-07-14

A fare la differenza è stata senza dubbio la loro determinazione, unitamente a una buona d...

Grave incidente stradale in via Colombo
2017-07-19

Due le auto coinvolte: una si è capottata finendo contro l'edificio all'angolo con...

I Carabinieri gli ritirano la patente e lui ribatte: “a 81 anni faccio quello che mi pare”
2017-07-05

Ha alzato il gomito insieme agli amici ma non l’ha passata liscia. Questa notte un impavido...

Arrestato al Biscione uno spacciatore internazionale di droga
2017-07-06

Continuano le azioni di controllo, in via Unione Sovietica, nel palazzo cosiddetto ‘Biscion...

Il quarantenne più in forma d’Italia
2017-07-07

E’ il quarantenne più in forma d’Italia: a conquistare il titolo di Campione I...

Parcheggiatori abusivi all'Ospedale: intervengono i Carabinieri
2017-07-10

Ci volevano i Carabinieri di Carpi per mettere un freno al fenomeno dei parchegg...

Sette le sanzioni che i Carabinieri di Carpi hanno contestato per abbandono di rifiuti
2017-07-09

Ieri, domenica 9 luglio, nelle prime ore del mattino i Carabinieri di Carpi sono intervenuti in a...

Tutte le birre di Nonno Pep
2017-07-13

“Nonno”, perché a 54 anni è già nonno di Filippo

Lo smercio illecito dei rifiuti nel mirino dei Carabinieri di Carpi
2017-07-12

Aspettano l'orario di chiusura, tagliano la rete, si introducono nei centri di raccolta rifiu...

Città in lutto per la scomparsa di Claudio Lodi
2017-07-18

Si sono svolti ieri i funerali del carpigiano Claudio Lodi prematuramente scompa...

Nuova sede comunale: un intervento strategico per la città
2017-07-17

Se ne parla da tempo ma il progetto della realizzazione di una nuova sede comunale a Carpi &egrav...

“Questa partita di marijuana non è buona”
2017-07-11

Continuano per i Carabinieri di Carpi degli incontri che entreranno a dir poco negli annali. Ques...

Welcome to Carpi!
2017-07-19

“E’ stato un viaggio duro ma io sono tra quelli fortunati perchè sono arrivato...

Una maturità da 100!
2017-07-18

In barba a ciò che dicono le statistiche nazionali sull’aumento dei Neet (giovani ch...

Muro d’artista
2017-07-12

“L’arte urbana è democratica. Per tutti. La street art può essere tocca...

Di nuovo parcheggiatori abusivi al Ramazzini
2017-07-05

“A che serve chiamare i vigili? Tanto loro si nascondono e, quando l’auto della Munic...