Iscriviti alla newsletter

Sfoglia il giornale ovunque tu sia e in qualsiasi momento, iscriviti alla newsletter per ricevere ogni settimana Tempo sulla tua e-mail.

×
Cos'è una consulenza
Sesto Elemento | 27 Febbraio 2017


“La casa è il vostro  corpo più grande.  Vive nel Sole e si  addormenta nella quiete della notte e non è  senza sogni”.
Kahlil Gibran

In un soleggiato mercoledì di febbraio i signori Pellicano vengono nel nostro studio. Ci avevano chiamati qualche giorno prima per chiederci una consulenza. Un po’ smarriti, si siedono.
“Vorremmo una consulenza in Feng Shui. Abitiamo in una casa di proprietà ma alle volte non ce la sentiamo proprio nostra. Non sempre siamo a nostro agio… e poi architetto… vorremmo ristrutturare il bagno” conclude Carlo, il marito. Dora e Carlo arrivano da noi non sapendo bene cosa sia il Feng Shui, se non per aver letto qualche notizia su Internet. Hanno compreso molto bene che un nostro intervento a quel livello può migliorare la loro qualità di vita. Ci forniscono alcuni dati tecnici del loro appartamento e fissiamo il giorno del sopralluogo.
La prima fase di una consulenza è proprio andare a vedere e sentire con il corpo e con la mente i locali, dove vivono o lavorano i clienti. Per cogliere ogni particolare e ogni suggestione del luogo, prima il consulente si prepara con degli esercizi di rilassamento mentale e fisico per essere pronto e ricettivo a tutti i livelli.
Arriviamo a casa di Dora e Carlo.  Abitano nel centro storico di un paesello di provincia della pianura padana. Parcheggiamo un po’ distanti perché le piazzole sotto casa sono tutte occupatie, nonostante sia mattina presto. Ne approfittiamo per percepire i percorsi che ci portano all’ingresso dell’abitazione. Marciapiedi abbastanza stretti e una strada a senso unico passa davanti alla porta d’ingresso condominiale. L’appartamento della coppia si trova al quarto e ultimo piano di un palazzo ad angolo in linea con altri edifici più o meno della stessa altezza. Percepiamo subito un’atmosfera soffocante data dall’altezza degli edifici, spropositata rispetto alla larghezza stradale. All’angolo opposto della casa dei signori Pellicano si erge una facciata di un grande edificio con una torretta a fianco. Occorre allontanarsi di parecchi metri per percepire l’intero prospetto. Una dimensione fuori scala rispetto alle dimensioni umane. Sovrastante. Raggiungiamo, finalmente, Dora e Carlo, grazie a un rumoroso ascensore Anni ’70. Ci accolgono con un fumante caffè in un luminoso salotto posto proprio sull’angolo dell’edificio dove possiamo ammirare una splendida vista dei tetti del centro del paesello. Un susseguirsi di spioventi e forme diverse di comignoli e antenne come fiori su un campo di laterizi.
“Che vista mozzafiato!” esclamiamo. “Già: l’abbiamo scelto per questo”, puntualizza Carlo. Iniziamo a scattare foto, prendere appunti e a chiacchierare con i nostri clienti per conoscerli e  capire le loro richieste.
Ogni progetto, ogni lavoro è diverso da un altro. Essenzialmente i luoghi, gli ambienti e i contesti sono differenti, soprattutto i committenti sono unici nella loro diversità. Il vivere comune crea abitudini e modi di fare che si pensa spesso siano uguali per tutti, in realtà ognuno ha richieste ed esigenze diverse, ed è quindi fondamentale conoscere ed entrare in empatia con il cliente. Il “capire” e  il “vedere” come vivono ci aiuta a soddisfare meglio le loro richieste.  Iniziamo così la nostra consulenza e conoscenza di Dora e Carlo.
Per consulenze,  informazioni,  approfondimenti, scambi di idee: Aire Studio  Via Vasco de Gama, 2  - a  Carpi  - www.airestudio.it


Altre notize della rubrica Sesto Elemento

Scarica l'App
Il giornale
in edicola
Sfoglia il giornale
Rubriche del Tempo
Altre notizie